riccardo rossi moto3

Moto3, prima gioia di Riccardo Rossi: “Podio per mio padre e Gresini”

Riccardo Rossi sulle nuvole, a Le Mans primo podio mondiale. Una bella iniezione di fiducia: "Tutti i sacrifici ripagati. Ora so che posso farlo."

17 maggio 2021 - 7:30

Il primo podio non si dimentica mai. A Le Mans Riccardo Rossi è riuscito ad agguantare il primo risultato di peso della sua carriera in Moto3. Dopo quattro gare fuori dai punti ecco l’acuto, un terzo posto ricco di significato. In un fine settimana complicato a causa del meteo instabile l’alfiere BOE Owlride aveva conquistato prima la Q2 diretta, poi la seconda casella in griglia di partenza. Una prima volta a cui è seguita una gara solida: ha tenuto la terza posizione fino alla bandiera a scacchi, resistendo alla rimonta finale di McPhee ed anzi piazzando il giro veloce proprio alla fine. Per poi gettarsi tra le braccia del padre al parco chiuso, stretti in un abbraccio emozionante.

“Ce l’ho fatta!!” continuava a ripetere l’incontenibile pilota genovese dopo il gran risultato ottenuto. “Tutti i sacrifici della mia famiglia, miei, del mio team, sono stati ripagati.” Spiega poi la sua gara. “All’inizio ero vicino a Sergio [García] ed a Filip [Salac], ma ho commesso alcuni errori alla seconda curva. Sono passato in terza marcia due volte e non so perché, ero molto nervoso. In quel momento ho perso tanti secondi.” Prima di riuscire ad impostare il ritmo per fare la sua gara. Con un ‘pericolo’. “Ho visto che McPhee si avvicinava sempre di più, ho spinto ma era arrivato ad un secondo. Volevo quel podio, quindi all’ultimo giro mi sono detto che o cadevo o ce la facevo. Ho dato il massimo ed è arrivato anche il giro veloce!”

Un piazzamento tanto cercato. “Ogni gara succedeva qualcosa e non abbiamo mai concluso nulla. Adesso sono qui e mi piace tantissimo.” Ammettendo anche che “Sono state condizioni particolari, ora voglio ripetermi anche sull’asciutto.” Con una consapevolezza in più. “Ora so che posso farlo: quando le cose vanno male perdi sicurezza, mi serviva.” Non manca una dedica per due persone in particolare. “Questo podio è per Fausto [Gresini] e mio padre. Sono gli unici che hanno sempre creduto in me quando gli altri non l’hanno più fatto, quando le cose andavano male. Questo per me è importante.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: BOE Motorsports

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso con la Yamaha M1

MotoGP, Dovizioso: Quartararo maestro di stile, ma lo stop pesa tanto

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco

voight agius cev moto3

Moto3, Paolo Simoncelli conferma Voight e Agius per il CEV 2022