alex marquez motogp

MotoGP, Alex Márquez top Honda: “Flag to flag la chiave della gara”

Alex Márquez 6° e miglior Honda nel GP di Francia. Non è del tutto soddisfatto del weekend, ma "Questo risultato è una bella motivazione."

17 maggio 2021 - 7:56

Sesto posto al traguardo, miglior pilota della casa dell’ala dorata ed insieme miglior piazzamento personale del 2021 finora. Alex Márquez mette a referto un’ottima rimonta dalla 19^ casella in griglia, sfruttando al massimo il flag to flag per l’arrivo della pioggia. Una gara che serviva davvero all’alfiere LCR Honda, che sta vivendo un inizio di stagione MotoGP complesso e con già tre zeri a referto in cinque Gran Premi. Ma è certo ben conscio del risultato arrivato in condizioni particolari e del fatto che c’è ancora da lavorare.

“Il flag to flag è stato la chiave della gara” ha sottolineato Alex Márquez a GP concluso. “Con le slick ho preso tanti rischi all’inizio e sono riuscito a recuperare svariate posizioni. Dobbiamo capire però perché poco dopo ho iniziato ad accusare qualche problema al freno anteriore: mi hanno superato in tanti. C’è stato anche un contatto con Savadori per colpa mia, ma è successo proprio per questo motivo.” La situazione però è cambiata con l’arrivo della pioggia ed il successivo cambio moto. “In seguito sono uscito con la media anteriore e la soft posteriore, era la scelta giusta per quelle condizioni.”

“Anche se in seguito la pista si è asciugata. Ad otto giri dalla fine si potevano rimettere le gomme da asciutto, ma sarebbe stato impossibile recuperare quel tempo. Forse sarebbe andata meglio andare subito con la media posteriore, ma in generale sono contento.” Con un appunto. “Contento della gara, non del fine settimana” ha precisato. Spiegando che “Abbiamo fatto tanta fatica, non mi sentivo così bene in sella.” Ma guarda il lato positivo. “Certo questo risultato è una bella motivazione verso il Mugello.” Non è mancato qualche problema. “Quando hai la soft posteriore è normale.”

“Fino ad otto giri dalla fine quelle che avevo erano le gomme giuste e riuscivo a mantenere il mio ritmo. Ma Bagnaia e Petrucci per esempio avevano la media, quando mi hanno superato non sono riuscito a rispondere.” Ma, come detto, Alex Márquez mette in archivio il suo miglior risultato del 2021 sulla pista dove l’anno scorso è arrivato il primo podio MotoGP. Potrebbe essere l’inizio della svolta stagionale? “Lo spero!” è la sua risposta. Ammette però che “In condizioni di asciutto ci serve ancora parecchio lavoro, per esempio in entrata in curva. Al Mugello cercheremo di capire di più, sperando di essere un po’ più competitivi fin dalle FP1.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

bradl test misano motogp

MotoGP Test Misano: pista ‘bagnasciutta’, nuovo prototipo Honda 2022

motogp misano

MotoGP, due giorni di test a Misano tra presente e stagione 2022

MotoGP, Claudio Domenicali

MotoGP, boss Ducati: “L’eredità di Valentino Rossi è pesante”