holgado moto3

Moto3: Daniel Holgado, esordio mondiale in Catalunya con CIP

Prima occasione mondiale per Daniel Holgado in Catalunya. L'attuale leader CEV Moto3 al debutto con CIP in sostituzione dell'infortunato Kofler.

2 giugno 2021 - 10:14

Con Maximilian Kofler infortunato, il team CIP – Green Power schiera un sostituto accanto a Kaito Toba. Ecco quindi la prima occasione mondiale per Daniel Holgado, giovane promessa spagnola e grande protagonista quest’anno sia nel CEV Moto3 che in Red Bull Rookies Cup. Sottolineiamo, nel Mondialino è leader indiscusso con tre vittorie in tre gare, nel secondo campionato invece è terzo con una vittoria e due podi nei primi tre round disputati. Questo pilota quindi si presenta così al Circuit de Barcelona-Catalunya.

“Prima di tutto auguro a Max una pronta guarigione” ha dichiarato Daniel Holgado. “Sono molto contento di questa fantastica opportunità offertami dal team CIP-GREEN Power e intendo sfruttarla al meglio.” Come detto, debutto assoluto per questo giovane talento iberico classe 2005. “Voglio e divertirmi, sarà la mia prima gara nel Mondiale e non la dimenticherò mai. Cercherò di imparare il più possibile dai piloti del Campionato del Mondo per poterne beneficiare nel Campionato del Mondo Junior.”

“Per prima cosa auguriamo una pronta guarigione a Maximilian, sfortunato in gara al Mugello” ha aggiunto il boss del team Alain Bronec. “Deve riposare per tornare il più presto possibile con noi. In attesa del suo ritorno, Daniel Holgado prenderà parte al Gran Premio di Catalogna che si svolge questo fine settimana all’interno del Team CIP-GREEN POWER. Daniel Holgado è, a 16 anni, uno dei piloti più promettenti della sua generazione. Siamo lieti di permettergli di muovere i primi passi nel Campionato del Mondo Moto3.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

michelin motogp

MotoGP: Michelin, una gamma più ampia per il ritorno alla Cattedrale

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi e Andrea Dovizioso… sarà un mercoledì davvero speciale!

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales: l’idea del ritiro per “vergogna”