Kaito Toba, il primo giapponese a vincere in Moto3

Kaito Toba trionfa a sorpresa del primo Gran Premio del 2019. Il diciottenne di Fukuoka, tra i tanti complimenti, ha ricevuto anche quelli di un certo Casey Stoner...

12 marzo 2019 - 11:28

La sorpresa maggiore in questa prima domenica di gare è stata senza dubbio il risultato ottenuto in Moto3. Pochi (per non dire nessuno) avrebbero pronosticato il successo del giovane Kaito Toba, alla sua terza stagione nel Campionato del Mondo. Il pilota di Fukuoka, grande fan di Casey Stoner fin da piccolo, ha scritto un pezzo di storia, diventando il primo pilota giapponese a vincere in Moto3. Non solo, ha aggiunto il suo nome ad una ristretta cerchia di ragazzi del Sol Levante capaci di salire sul primo gradino del podio nel Motomondiale. Parliamo di Hiroshi Aoyama (ultimo iridato giapponese nel 2009), Yuki Takahashi, Shoya Tomizawa e Takaaki Nakagami, tutti vincenti in 125cc/Moto2. L’ultimo invece a trionfare nella categoria minore è stato Tomoyoshi Koyama nel 2007 in Catalunya.

La strada verso la prima vittoria mondiale 

Classe 2000, Kaito Toba è uno dei prodotti dell’Asia Talent Cup, campionato creato da Dorna assieme a Honda per permettere la crescita di giovani talenti provenienti da quella parte del mondo. Toba è stato proprio il primo campione Asia Talent Cup nel 2014, approdando poi in Red Bull Rookies Cup e nel CEV Moto3. L’esperienza mondiale inizia nel 2017 con Honda Team Asia, squadra nella quale corre anche quest’anno sotto la guida proprio dell’ultimo iridato giapponese, Hiroshi Aoyama. A 19 anni ancora da compiere ecco la prima vittoria personale, che è anche il primo podio in carriera, visto che il miglior piazzamento era stato un 6° posto l’anno scorso in Catalunya. Fino al Gran Premio del Qatar, con Toba scattato dalla terza casella in griglia e grande protagonista della battaglia a 18 per il podio. Dopo una gara ricca di sorpassi, il giapponese la spunta su Lorenzo Dalla Porta per appena 53 millesimi, cogliendo così uno straordinario successo.

I complimenti da Casey Stoner 

L’esplosione di gioia al box, le lacrime di commozione del giovane pilota giapponese, gli abbracci al parco chiuso: una giornata trionfale. “Fantastico, è fantastico” ha dichiarato, ancora incredulo per quanto ottenuto. “Io e la mia squadra abbiamo svolto un ottimo lavoro. La gara è stata tosta, si è formato un grande gruppo fin dall’inizio ed era impossibile prendere un po’ di margine su chi inseguiva. Ma va bene così. Abbiamo ottenuto una grande vittoria, siamo forti e dobbiamo continuare a lavorare così.” Incontenibile Hiroshi Aoyama:“Kaito ha vissuto due stagioni difficili. Forse sono più felice di questo successo come Team Manager che delle mie vittorie da pilota!” Un riconoscimento però arriva anche da Casey Stoner: sui suoi canali social ha ripreso la foto che lo ritraeva con un piccolo Toba ‘ducatista’, aggiungendo i complimenti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “La vittoria non è il primo obiettivo”

Valentino Rossi a Silverstone

Valentino Rossi salvato dal VAR: “Attenzione alla curva 17”

Jorge Lorenzo a Silverstone

Jorge Lorenzo ultimo a Silverstone. Puig: “Il collo fa male”