15 Maggio 2024

Il Mugello si prepara per la MotoGP, manca poco al Gran Premio d’Italia

Nel weekend dal 31 maggio al 2 giugno il Mugello riaccoglierà la MotoGP. Si rinnova la sfida su un circuito storico.

motogp-mugello

Il momento di scaldare i motori è vicino, la MotoGP sta per arrivare al Mugello. Il tempio delle corse su due ruote si prepara ad accogliere il Gran Premio d’Italia dal 31 Maggio all’1-2 giugno. Preparatevi a immergervi in un’esperienza mozzafiato, una storia di passione e sfide che si rinnova ogni anno. Tra i fan club sulle colline, le Tribune Ducati e KTM, la festa è assicurata. La promozione sui biglietti in prevendita continua su tickeone.it e mugellocircuit.com.

La bellezza del Mugello

È una delle piste più amate e impegnative del campionato MotoGP e ha una lunga storia nel mondo delle corse motociclistiche. La sua prima edizione del Gran Premio d’Italia MotoGP si è tenuta nel lontano 1976, ed è diventato un appuntamento fisso dal 1994. Nel corso degli anni, il circuito ha ospitato numerose edizioni competitive, diventando così un’icona nel panorama motociclistico per il suo tracciato “old school!” oltre alla bellezza delle colline toscane circostanti.

La pista toscana è famosa per il suo lungo rettilineo, che misura 1.141 metri. Questo richiede una potenza motore considerevole e, naturalmente, un sistema frenante eccellente per non perdere quanto guadagnato in velocità. Fortunatamente, le restanti 14 curve del tracciato consentono ai dischi in carbonio di raffreddarsi adeguatamente. Il circuito si estende per 5 chilometri e 245 metri. Durante la gara di MotoGP, che prevede 23 giri, si affrontano 9 frenate lungo il percorso, che rappresentano il 29% del tempo di gara. Tra le staccate più complesse si trova quella subito dopo la curva 1, dove i piloti devono passare da 342 a 97 km/h in soli 306 metri, coprendo tale distanza in soli 5,6 secondi. Un’altra curva impegnativa è l’ultima, la curva 15, in cui i piloti devono ridurre la velocità da 272 a 109 km/h in 227 metri, impiegando solamente 4,6 secondi.

Teatro di sfide memorabili

Proprio per questo motivo che il Gran Premio d’Italia è una scarica di adrenalina pura e, con il passare degli anni, il tracciato ha visto alcune delle imprese più memorabili dei piloti italiani storia. Nomi come Loris Capirossi, Max Biaggi, Valentino Rossi, Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci sono entrati nella leggenda del motociclismo grazie alle loro vittorie e alle loro sfide epiche sulla pista toscana. Oggi è il turno dei giovani talenti italiani di farsi strada nel Motomondiale, dimostrando la loro abilità e conquistando successi in tutte le categorie.

Vincere al Mugello rimane il sogno di tanti piloti, a partire dagli italiani con Valentino Rossi che ha passato il testimone ai piloti della VR46 e dell’Accademy, primo fra tutti il due volte campione del mondo Pecco Bagnaia su Ducati. Per tutti il Mugello rimane il “Mugiallo”, per la marea gialla di tifosi che campeggiano sulle colline e affollano il paddock, anche se tanti saranno i fan club, senza contare la Tribuna Ducati al Correntaio e quella KTM alla Materassi.

Quest’anno il Mugello parla italiano con la Ducati e l’Aprilia, Campione del Mondo in carica Pecco Bagnaia, il leader Jorge Martin sulla Rossa della Toscana Pramac o il terzo incomodo Marc Marquez nelle file della Gresini Racing, il team di Faenza. Il GP Di casa sarà un extra motivazione anche per Enea Bastinini, Marco Bezzecchi e i piloti dell’Aprilia, Maverick Vinales e Aleix Espargaro.

Al Mugello non si dorme

“L’Autodromo del Mugello è la Woodstock delle moto”, ha detto una volta Valentino Rossi ed ha proprio ragione. L’appuntamento numero 1 del campionato mondiale sta arrivando nella pista del Cavallino, la più bella e la più scatenata di tutte. Oltre alla possibilità di assistere alle varie gare, i visitatori potranno vivere un autentico raduno adrenalinico, trasformando l’area del circuito di Scarperia in un vero e proprio festival di motori.

Il Mugello diventa così il punto d’incontro di una tribù di appassionati da tutto il mondo, dove la lingua comune è quella della velocità e del puro divertimento: la Woodstock dei motori sta arrivando. L’appuntamento è dal 9 all’11 giugno.

Il circuito del Mugello si distingue tra le poche piste dove è possibile campeggiare anche durante la notte, creando così uno spettacolo senza fine. Le colline circostanti offrono uno scenario unico per trascorrere un weekend all’insegna del motorsport, con aree attrezzate per barbecue e momenti di relax. Mentre, al calar del sole, l’appuntamento è alla Casanova Savelli e alle curve del Palagio, dove gli appassionati potranno gustare aperitivi, assistere a concerti gratuiti e godere di musica dal vivo.

Agevolazioni ai visitatori

La gioia di condividere questa passione si riflette anche nelle agevolazioni offerte ai visitatori. Le moto potranno entrare gratuitamente all’interno del circuito, mentre i camper potranno usufruire di un prezzo speciale. Oltre agli altri abbonamenti ci sarà anche la promozione “Night & Day” che garantirà ai possessori un biglietto d’ingresso generale, con il quale potranno accedere al circuito dalle ore 19.00 del giorno precedente e pernottare al suo interno.

La magia del Gran Premio d’Italia al Mugello non si limita solo agli appassionati più adulti, ma coinvolge anche i giovani. L’ingresso sarà gratuito fino ai 15 anni, mentre per i ragazzi dai 16 ai 18 anni sarà disponibile un biglietto scontato del 20% per tutte le tipologie di ingresso generale e di tribuna. Inoltre, le donne avranno diritto a un biglietto ridotto del 10% sull’ingresso generale e su tutte le tribune, confermando l’attenzione del Mugello verso l’inclusione di tutti.

Lascia un commento