dennis foggia moto3

Coronavirus, Dennis Foggia: “Grazie a chi ha sostenuto la raccolta fondi”

Chiusa la raccolta fondi avviata da Dennis Foggia. Il ricavato alla diocesi di Palestrina per le famiglie in difficoltà in questa emergenza.

12 maggio 2020 - 18:00

Un sostegno concreto per aiutare chi sta attraversando un momento complicato. Con questo spirito il pilota Moto3 Dennis Foggia, non appena iniziata la chiusura totale in Italia, aveva deciso di avviare una raccolta fondi sul portale gofundme.com. La cifra totale è di 1.475 euro, che l’alfiere Leopard Racing devolverà interamente alla diocesi di Palestrina, sua città natale.

Ricordiamo infatti che questa raccolta è stata avviata per sostenere le famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria che sta colpendo non solo il nostro paese, ma il mondo. Dennis Foggia ha poi donato il proprio casco, oltre ai guanti, i pass per l’area hospitality della Leopard e le slider autografate. Questo mediante un’estrazione tra tutte le persone che avevano effettuato una donazione.

“Grazie a tutte le persone che hanno sostenuto questa iniziativa” ha dichiarato il pilota classe 2001 durante la diretta social per assegnare i premi. Piano piano si cerca di tornare ad una qualche normalità, anche per quanto riguarda le corse. “Spero anche di tornare presto in sella. Mi manca la moto e non vedo l’ora di riabbracciare tutti, non solo virtualmente come adesso.”

Infine, qualche commento a livello ‘mondiale’. “Mi trovo bene con la moto nuova. Abbiamo svolto una sola gara, manca ancora tanto feeling perché è molto diversa dalla precedente. Speriamo presto di ricevere il via libera per tornare in pista. I miei circuiti preferiti? Senza dubbio Valencia e Austin. Il mio sogno nel cassetto? Arrivare in MotoGP e vincere!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

KALEX Moto2

Moto2, la tecnica: il dominio del telaio KALEX

MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, Tardozzi: “Jack Miller-Ducati, vicini ad una decisione”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi, Franco Morbidelli e la favola di Tavullia