MotoGP, Andrea Iannone

Caso Andrea Iannone: a processo il prossimo 4 febbraio

Andrea Iannone dovrà presentarsi a Mies il 4 febbraio. Il pilota Aprilia rischia di saltare i test MotoGP, al suo posto Lorenzo Savadori.

20 gennaio 2020 - 8:37

Il destino di Andrea Iannone (e Aprilia) passa per il 4 febbraio, quando prenderà il via lo shakedown MotoGP. Il deferimento del pilota di Vasto, come comunica ‘La Gazzetta dello Sport’, è arrivato sabato 18 gennaio, con una comunicazione contenente la fissazione della data del processo. A Mies si svolgerà l’udienza davanti alla Corte Disciplinare Internazionale della Fim per la vicenda antidoping.

Un provvedimento scontato dopo la conferma della positività di Andrea Iannone emersa nelle controanalisi del 7 gennaio. In quella sede i valori emersi – conosciuti e riferiti dal legale del pilota, l’avvocato Antonio De Rensis, [1.150 nanogrammi per millilitro di urina, ndr], ma ancora non comunicati in via ufficiale – risultano minimi, ma sufficienti per l’apertura del procedimento giudiziario. La data dell’udienza, che prenderà il via alle 13, viene accolta con favore dalla casa di Noale, che spera di poter schierare il suo alfiere nel test del 7 febbraio.

LA DIFESA DI IANNONE

Rivederlo subito in pista è un’opzione difficile ma non impossibile, a patto che il verdetto sia favorevole al nostro Andrea Iannone. La Corte Disciplinare della FIM può riservarsi fino a 45 giorni di tempo per decidere. La tesi difensiva verte sulla contaminazione alimentare, l’abruzzese dovrà quindi dimostrare l’accidentalità. Ma anche che non aveva assolutamente modo di sapere che il cibo potesse essere alterato. L’avvocato del pilota, che sarà presente all’udienza (in inglese) insieme al consulente, il dottor Alberto Salomone, si è detto lieto della tempistica definendo “saggia” la scelta.

Entro il 31 gennaio la difesa potrà redigere la lista dei testimoni e annunciare le fonti di prova che verranno argomentate in giudizio. Ricordiamo che Andrea Iannone rischia da una semplice reprimenda a 4 anni di squalifica. Intanto Aprilia ha nominato Lorenzo Savadori come suo sostituto nei test MotoGP di Sepang. In gara sarà Bradley Smith a prendere eventualmente il suo posto. Chiuso il capitolo Karel Abraham.

1 commento

l.zecchin_417
18:33, 20 gennaio 2020

Gli arrosticini abruzzesi è noto che sono belli carichi

POTRESTI ESSERTI PERSO:

nakagami motogp

MotoGP, Takaaki Nakagami: “Serve un miglior atteggiamento mentale”

MotoGP, Joan Mir campione del mondo 2020

Joan Mir risponde al papà di Jorge Lorenzo: “Il merito non è suo”

baldassarri moto2

Moto2: Baldassarri, ritorno in Forward: “C’è molta energia e positività”