herlings gajser mxgp

MXGP: Herlings e Gajser, inversione di ruoli ed una nuova classifica

Prima Gajser al top con Herlings infortunato, ora l'alfiere KTM tornato in forma con una lesione per il campione 2020. Una battaglia iridata più viva che mai.

21 settembre 2021 - 12:32

Inversione di ruoli per Jeffrey Herlings e Tim Gajser a questo punto dell’intensa stagione MXGP 2021. Il pilota di Geldrop si è lasciato alle spalle un infortunio alla scapola che l’ha condizionato nella prima parte di campionato. Ora è il ‘turno’ del campione in carica, che si è presentato all’evento a Riola Sardo decisamente non al top della forma. La settimana prima della tappa sarda, mentre si allenava in Croazia, è caduto fratturandosi una clavicola: pronto intervento per rimetterlo in sella, ma chiaramente con tutte le criticità del caso. Ne ha approfittato al massimo l’alfiere KTM, stravincendo in Sardegna e passando in testa alla classifica iridata per un punto.

Jeffrey Herlings, GP perfetto 

“Non stato il modo più felice per prendere la tabella rossa.” Jeffrey Herlings commenta così quanto avvenuto in Sardegna. Ricordando sia i problemi di Gajser che il botto che ha messo KO il compagno di box Tony Cairoli. “So cosa vuol dire un infortunio” ha proseguito, rievocando la sua importante lesione prima della pausa. “Spero che entrambi siano di nuovo in forma prima del prossimo GP.” Sottolineando che in classifica “Non siamo mai stati così vicini dopo 10 gare!” Per quanto riguarda poi la tappa a Riola Sardo, “Ho chiuso davanti in qualifica e l’holeshot nella prima manche è stata una vera sorpresa! Sono riuscito a tenermi sempre al comando.” Per poi completare l’opera in Gara 2. “Sono partito dietro a Jorge [Prado] e ho cercato di superarlo più volte, ma è stato difficile.” Ma è riuscito ad avere ragione del collega nelle tornate finali. “A cinque-sei giri dalla fine l’ho passato e ho accumulato un po’ di margine.” Un 1-1 che vale così la testa della classifica iridata. “È stato il weekend perfetto, ora dobbiamo continuare.”

Tim Gajser, oltre il dolore

Ben più problematico invece l’evento vissuto dal campione in carica. Come detto, arrivava in Sardegna con una spalla tutt’altro che a posto, seppur operata subito dopo la lesione. Tim Gajser ha stretto i denti e ci ha provato, conscio del fatto che ogni punto è importante. Ed è proprio appena un punto a relegarlo in seconda piazza iridata dietro al nuovo leader Herlings. Allo strapotere del rivale si è contrapposta una prima manche complicata da un doppio incidente, risalendo poi in Gara 2 fino all’ottava posizione. Gajser chiude l’MXGP a Riola Sardo in 12^ posizione, con il pensiero al recupero per ripartire ancora più carico in Germania. “Ci ho voluto provare” ha sottolineato il campione HRC. “In Gara 1 sono stato colpito da un altro pilota, ho cercato di risalire ma un’altra caduta ha complicato le cose.” È 19° al traguardo, serve una buona seconda manche. “Dovevo partire meglio ed è quello che ho fatto. Sono riuscito ad impostare un buon ritmo e, anche se faceva male, ho lottato fino all’ottava posizione.” Ora bisogna recuperare, ma intanto arrivano 15 punti importantissimi in una lotta ancora più accesa per l’iride 2021.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: KTM images/Ray Archer-HRC Media/@shotbybavo

1 commento

FRA 1988
15:21, 21 settembre 2021

Il motocross non fa sconti a nessuno ma Herlings non ha assolutamente rubato nulla. Gasjer vr Herlings integri fisicamente non c’è mai stata gara fin dalla MX2.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Orari TV, Motocross

MXGP Spagna: tifiamo Fontanesi e Cairoli, gli orari tv e le dirette streaming

MXGP Spagna 2020

Motocross, sfida a casa di Prado: la programmazione MXGP, MX2, WMX

tim gajser mxgp

MXGP, Tim Gajser scende al 3° posto iridato. “GP un po’ frustrante”