Ducati, Alvaro Bautista

Superbike: Ultimatum Ducati “Alvaro Bautista, il tempo è finito”

L'azienda vuole chiudere il rinnovo con lo spagnolo entro pochi giorni. Ultimatum chiaro: "Lo vogliamo confermare ma non a tutti i costi"

7 agosto 2019 - 15:40

Alvaro Bautista, la  Ducati ha perso la pazienza e vuole la firma sul rinnovo “entro metà agosto”, cioè fra pochi giorni. Il monito lanciato Paolo Ciabatti, direttore delle corse, è inequivocabile.  “Non possiamo aspettare oltre, nè migliorare l’offerta che abbiamo messo sul tavolo. E’ ottima, non abbiamo alcun margine.

AMORE A PAROLE

Alvaro Bautista e la Ducati sostengono da settimane, anzi da mesi, di voler continuare insieme l’avventura nel Mondiale Superbike. A metà giugno l’azienda ha proposto il rinnovo biennale, ma il pilota quasi un mese dopo la rispedito al mittente la proposta, chiedendo un sostanzioso adeguamento d’ingaggio. “E’ la Ducati che ci deve una risposta” aveva spiegato dopo Laguna Seca (metà luglio) Simone Battistella, manager personale del pilota. Da allora, più nessuna novità. E’ evidente che Alvaro Bautista stia prendendo tempo per sondare il terreno in attesa di offerte concorrenti. Ma, dal canto suo, Ducati ha capito che aspettando ancora rischia di veder sfumare le ipotetiche alternative. Cioè Scott Redding nel mirino di BMW ed Eugene Laverty che sta parlando con Kawasaki che avrebbe una ZX-10R (ufficiale) libera qualora  Toprak Razgatlioglu andasse in Yamaha.

“LA NOSTRA OFFERTA E’ OTTIMA”

Il nodo, ovviamente, sono i soldi. Bautista chiede un sostanzioso aumento rispetto ai 300 mila € che incassa in questa stagione (più premi), per arrivare almeno al livello del confermato Chaz Davies, che viaggia oltre il mezzo milione. “Abbiamo avanzato la nostra migliore offerta e non vogliamo alzarla perchè al momento le possibilità di vincere il Mondiale 2019 non sono così concrete come quando ci siamo parlati a Misano” ha spiegato Paolo Ciabatti. “Vogliamo continuare con Alvaro, ma deve accettare ciò che Ducati e Aruba hanno messo sul tavolo. Se le sue aspettative di ingaggio sono completamente diverse, non potremo aderire alle sue richieste.”

“NON A TUTTI I COSTI”

Sfortunatamente, i risultati nelle ultime gare sono stati negativi, nessuno ha una spiegazione di quello che è successo” mette il dito nella piaga Ciabatti. “Per la Ducati sarebbe stato molto bello vincere il Mondiale al primo colpo con la V4R ma difficilmente succederà, e siamo delusi. Tuttavia vogliamo continuare con Alvaro Bautista, per questo gli abbiamo fatto un’ottima offerta. Ma non a tutti i costi. La decisione ora è nelle sue mani. Non possiamo aspettare tanto oltre.”

8 commenti

gyruss
17:27, 7 agosto 2019

Domenicali Ciabatti Tardozzi è ora che AUDI cambi managemet

f.papalin_12786188
16:46, 7 agosto 2019

Un pilota che ha perso un mondiale, già in tasca, un pilota che si definiva il Valentino Rossi della SBK solo per aver vinto qualche gara consecutivamente, un pilota che nonostante tutto auspica ad un sostanziale aumento nonostante abbia di fatto perso il titolo, meriterebbe di girare in bicicletta, e non di partecipare alla SBK come pilota UFFICIALE Ducati.
Cosa ha mai vinto questo mediocre pilota? i soldi si chiedono quando porti a casa un monidale come minimo.

marcogurrier_911
13:35, 7 agosto 2019

Vedo nubi all orizzonte a borgo panigale
E mi sembra – magari mi sbaglio – una coincidenza strana il fatto che il manager sia lo stesso di dovizioso col quale L amore sembra affievolito…
Ma un Jorge99 su V4R al suo posto?Lui tornerebbe a Bologna di corsa, e L immagine de campionato WSBK uscirebbe rafforzata.
In tutto questo il problema comunque rimane uno: JR65.

    Katana05
    14:29, 7 agosto 2019

    Lorenzo tornerebbe di corsa sulla Desmo16, di questo sono convinto, ma sulla Panigale in SBK…. non credo proprio.

      marco.boldrin_13513629
      21:42, 7 agosto 2019

      Lorenzo è un arrogante presuntuoso, un bravo pilota ma con un ego smisurato rispetto alle sue reali capacità, se Ducati gli offre Panigale dovrebbe correre e baciare i piedi a tutti.

        marcogurrier_911
        13:24, 8 agosto 2019

        È un 5vokte campione del mondo…..dai

Katana05
10:23, 7 agosto 2019

Io non so se tutti i virgolettati che pubblicate siano effettivamente usciti dalla bocca degli interessati esattamente così come si leggono (spero di si) ma una cosa mi è chiara: questa gente parla troppo. La differenza con i giapponesi è lampante: Honda bacchetta “simpaticamente” Crutchlow che si lamenta troppo, e un conto è che lo faccia un pilota, un altro è che siano i dirigenti a non perdere occasione per starsene zitti. I risultati si vedono. Meno chiacchiere, più fatti!

Ringhietto
10:19, 7 agosto 2019

Concordo a pieno con Ducati, un pilota che cade 4 volte di fila e perde la testa del mondiale senza sapere il perchè non può tirare troppo la corda. Davies fin’ora ha avuto un anno difficile ma viene da anni in cui ha dimostrato il suo valore e in cui si è sudato l’ingaggio che ha oggi…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Supersport, Peter Ottl

Supersport 2020: Philipp Ottl dalla Moto2 alla Kawasaki Puccetti

Leandro Mercado

Video Superbike: Leandro Mercado che rimonta dal fondo!

Chaz Davies

Superbike: Chaz Davies, il ritorno del guerriero