Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Toprak Razgatlioglu malato: “Mi sento debole”

Toprak Razgatlioglu 5° nel venerdì di prove Superbike a Portimao. L'influenza indebolisce il turco della Yamaha: "Qui non sarà facile contro Johnny".

1 ottobre 2021 - 23:14

Problemi in vista per Toprak Razgatlioglu alla vigilia di gara-1 Superbike a Portimao. Il pilota turco della Yamaha è stato colpito duramente da un raffreddore e risulta 5° nella combinata del venerdì. Nonostante sia malconcio riesce a tenere testa a Jonathan Rea con un distacco di tre decimi. Nelle FP1 il gap era di appena 33 millesimi, ma il suo miglior crono è stato annullato a causa di una bandiera gialla.

Le temperature più calde del pomeriggio hanno reso più difficile la risalita, ma a preoccupare sono le sue condizioni di salute.  “Mi sento solo un po’ debole, ma una simulazione di gara su 18 giri non è stato un problema e i tempi sul giro erano decenti. Posso anche respirare liberamente“. Il leader del Mondiale Superbike, che ha un vantaggio di 20 punti sul campione della Kawasaki, ha voce roca e bisognerà vedere al risveglio come sarà il suo stato di salute.

Tutto sommato un buon inizio di Gran Premio: “Abbiamo iniziato bene il weekend, ma il mio miglior tempo è andato perso. Ma mi sento bene in moto. Nella simulazione ho guidato tempi simili a Johnny, quindi combatteremo di nuovo. Anche se le cose possono sempre andare un po’ diversamente in gara, dobbiamo aspettare e vedere“. L’influenza potrebbe giocare un tiro mancino a Toprak Razgatlioglu, anche se le motivazioni non subiranno nessun calo. Portimao è una pista favorevole a Johnny e nel caso dovrà giocare in difesa. “Mi concentrerò sul mio lavoro perché voglio lottare per le vittorie. Non sarà facile qui, ma ci proverò“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea e il team KRT

Superbike, KRT si scusa con Jonathan Rea: “Non abbiamo dato il 100%”

Superbike, Leon Haslam

Superbike, HRC ritarda gli annunci. Haslam: “Corro fino a 50 anni”

Superbike, Scott Redding

Superbike, Redding e l’affronto di Bassani: “Ho mostrato la mia autorità”