Jonathan Rea Superbike

Superbike Test Aragon, Jonathan Rea avvisa i rivali per il 2021

Continua il lavoro per Jonathan Rea sulla nuova Kawasaki ad Aragon. Confermate le belle impressioni di Jerez: il 6 volte iridato lancia già la sfida

25 novembre 2020 - 18:09

Jonathan Rea e Kawasaki erano chiamati ad una bella prova oggi al Motorland Aragon in una giornata di test importante per capire il potenziale della nuova moto. Continua dunque lo sviluppo della ZX-10RR ampiamente rinnovata rispetto alla Ninja che ha dominato il campionato negli ultimi sei anni. Rea e Alex Lowes sono dunque tornati in pista qualche giorno dopo i primi test a Jerez dove il campione del mondo aveva dato feedback positivi.

L’unica cosa che manca è il confronto con gli avversari: Ducati, Yamaha, Honda e BMW torneranno in azione da gennaio in poi. Girare ad Aragon può comunque offrire riscontri importanti per Kawasaki al fine di confrontare le prestazioni ottenute pochi mesi fa in occasione del doppio round disputato proprio al Motorland. Il rettilineo da oltre un chilometro è sicuramente un territorio ideale per verificare l’efficienza del nuovo motore.

Jonathan Rea: “Il potenziale è molto alto!”

“La giornata è stata positiva perché abbiamo continuato a lavorare con il materiale che avevamo nei test a Jerez”, esordisce Jonathan Rea. “Stiamo lavorando passo dopo passo sulle aree del motore per capire tutte le sensazioni che ho in sella e i diversi parametri che possiamo esplorare con la moto. Siamo riusciti a trarre alcune conclusioni molto positive!”. Il lavoro di Kawasaki e Rea non si è basato solo sul motore: “Nella lista delle cose da fare dovevamo anche iniziare a lavorare con alcune parti riguardanti il telaio per raccogliere altri feedback. L’elenco degli aspetti da provare sta crescendo, ma non potremo finirla in questi test al Motorland”.

È un Jonathan sorridente e soddisfatto ad ogni modo: “Guardiamo avanti ai test pre stagionali del 2021, sono molto contento. Giro dopo giro siamo stati molto veloci e mi sento bene sulla moto”. I rivali sono dunque tutti avvisati: “Sono consapevole che il potenziale sia molto migliore di quello mostrato fino ad adesso, abbiamo cominciato a mordere l’asfalto con il nuovo materiale e tutto sta andando bene”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike

Superbike: La nuova lista dei modelli omologati, con qualche sorpresa

Ducati Panigale V4 Superbike

Superbike retrospective, Ducati Panigale: La Desmosedici su strada

Superbike, BMW

Superbike: Mondiale alle porte, la BMW è senza freni