Superbike Most

La Superbike scopre Most: com’è dura l’avventura!

Benvenuti a Most, una delle novità Superbike del 2021: il circuito è affascinante, ma i servizi sono ai minimi termini. Un mondo tutto da scoprire

6 agosto 2021 - 18:29

La Superbike  torna in Repubblica Ceca ma invece che sull’affidabile Brno, impianto di livello mondiale, punta verso Most. E’ la prima volta che questo impianto nel nord del Paese ospita un evento di livello mondiale. E, arrivandoci, si capisce perchè finora è stato utilizzato perlopiù per gare minori.

Most: un’avventura continua

L’autodromo di Most è decisamente singolare per logistica, collocazione geografica e disegno del tracciato. Qualsiasi azione si debba svolgere lì dentro, sembra di vivere un’avventura. Anche solo l’arrivo in circuito diventa così una storia da raccontare: non ci troviamo infatti di fronte alle classiche strade (più o meno trafficate), bensì a vie impervie dove tanti alberi sono la cornice dell’ingresso nel parcheggio.

Un cammino tortuoso

Il nostro cammino è solo all’inizio, perché da lì in poi entrare nel paddock e successivamente in sala stampa è decisamente più lungo di quello che si possa pensare. Dal momento del posteggio in auto all’arrivo ai box passano più di cinque minuti a cui ne vanno aggiunti minimo altri tre per l’ingresso in sala stampa (che non è un edificio bensì un tendone). Un percorso fatto di scale, salite e discese, sempre con vista circuito.

Il nodo sicurezza…

Una delle caratteristiche di Most infatti è la possibilità di vedere sempre una parte di pista ovunque tu sia. Le pendenze del tracciato ceco consentono in un modo o nell’altro di potersi gustare i protagonisti sfrecciare sull’asfalto e di godersi così le derivate di serie da qualsiasi posizione. Un vantaggio che richiama però il tema della sicurezza: in diversi punti i muri sono molto vicini e le vie di fuga non sono esattamente il massimo, almeno all’apparenza.

Una sfida affascinante

Come detto, però, il disegno del circuito è suggestivo. Tanti punti veloci e tante curve da affrontare ad alta velocità con moltissimi tratti da paura. La sfida dunque è di quelle toste per i ragazzi di Superbike, Supersport e Supersport300, da oggi a caccia delle migliori linee per essere i primi vincitori in una nuova pista. Una sfida affascinante, lunga e tortuosa. Proprio come arrivare a Most.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding in Catalunya

Superbike, Scott Redding: “Mi sento in colpa per il sorpasso a Bassani”

Superbike, Razgatlioglu contro Rea

Superbike, sfortuna Razgatlioglu: cosa è successo alla Yamaha R1

Ducati, Superbike

Ducati, è un sabato da impazzire: doppietta MotoGP e tripletta Superbike