Superbike, Andrea Locatelli

Superbike, scintille Locatelli-Van der Mark: l’olandese usa l’ironia

In gara-1 Superbike a Portimao un incidente ha coinvolto Andrea Locatelli e Michael van der Mark. Scintille sul letto di ghiaia, la Race Direction sorvola.

4 ottobre 2021 - 19:15

L’adrenalina delle gare mette a dura prova i nervi dei piloti. In MotoGP Joan Mir e Jack Miller sono arrivati al faccia a faccia dopo il traguardo di Austin. In Superbike le scintille si sono accese, e subito placate, tra Michael van der Mark e Andrea Locatelli al 15° giro di gara-1. L’italiano della Yamaha ha toccato la ruota posteriore della BMW dell’olandese ed entrambi sono finiti a terra. Si sono rialzati per andare a riprendere le loro moto, ma nel fuggi fuggi Michael ha spintonato l’avversario. Un brutto gesto che fortunatamente ha causato solo qualche sorriso tra gli spettatori; i Commissari di Gara, dopo la convocazione, hanno deciso di sorvolare.

L’alfiere olandese ha perso l’occasione per ambire al primo podio stagionale, ma si è rifatto nella sfida sprint salendo sul gradino più alto del podio. “Non l’ho visto“, ha spiegato un ironico van der Mark dopo il primo round. Alla luce di questa arguta dichiarazione, anche i tre ufficiali del FIM WorldSBK Stewards Panel hanno rinunciato a infliggergli una sanzione. “Sono incidenti che possono accadere, l’errore potevo farlo pure io. Quando mi ha eliminato dalla gara non si è nemmeno scusato… Poi siamo andati verso le moto e lui si è messo sulla mia strada“.

Un incidente che ha rispolverato rancori di alcune settimane fa. Infatti a Magny-Cours Andrea Locatelli ha rischiato di far cadere Van der Mark in gara-2 prima del rettilineo. “Cerco sempre di avere rispetto per i miei colleghi“, ha detto il pilota Yamaha. “Ho provato a parlare con Michael perché volevo scusarmi per il mio errore. Ha perso un po’ le staffe e ha parlato della gara di Magny-Cours. Non ho idea del motivo per cui parlava di questo argomento. In quel momento sono andato subito da lui per discutere dell’incidente. Mi sembrava normale nei video, non ho fatto niente di pazzo. Ero davanti a lui, se si accorge che sto cambiando un po’ la linea, deve farlo anche lui“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

Ringhietto
8:48, 5 ottobre 2021

VdM, un pilota normale che si crede un fenomeno e che con queste scenate dimostra tutto ciò che è, ovvero un mediocre.
Il Loca può guadare avanti serenamente e pensare ad un futuro che sarà sicuramente brillante

lamottawalte_13764774
2:38, 5 ottobre 2021

Per il brutto gesto Van Der Marc, doveva essere squalificato (almeno)per tutto il GP di Portimao

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “Serve una nuova moto, la caduta è colpa mia”

Supersport Cluzel

Supersport, prove Argentina: Cluzel è impressionante, Gonzalez insegue

Superbike, Toprak

Superbike Argentina Prove 2: Super Toprak, adesso chi lo prende?