Superbike, Michael Rinaldi

Superbike, Rinaldi torna in Ducati ufficiale Nel 2021 Davies che farà?

Michael Rinaldi si è guadagnato il ritorno in Ducati Aruba.it e nel 2021 sarà a fianco di Scott Redding. Destino incerto per Chaz Davies: forse Honda è l'unica chance

14 settembre 2020 - 16:00

Michael Rinaldi correrà la Superbike  2021 con la Aruba.it Ducati, prendendo il posto di Chaz Davies. L’annuncio potrebbe arrivare a ridosso del round Mondiale che si corre questo fine settimana a Barcellona. La promozione del 24enne riminese adesso in forza alla GoEleven è nell’aria da settimane. Sabato 5 settembre al Motorland Aragon, poche ore dopo il primo successo iridato di Michael Rinaldi, il direttore sportivo Aruba.it, Serafino Foti, ha posato  nella foto ricordo insieme a tutto il personale della formazione piemontese con base a Cesena. Una presenza che ha suonato come “firma” Ducati sul trionfo. L’ultimo velo di dubbio è caduto a Misano, quando Claudio Domenicali, AD dell’azienda bolognese, ha affermato che “in Ducati sarà rinnovamento generale, puntiamo sui giovani”. Facile immaginare che non alludesse solo all’avvicendamento  Dovizioso-Bagnaia nel team interno MotoGP, ma anche al cambio Davies-Rinaldi in Superbike.

Michael, il ritorno

Rinaldi ufficiale è il logico sviluppo di un percorso cominciato nel 2016, cioè da quando Michael è entrato nelle grazie di Stefano Cecconi, AD della internet company italiana nonchè proprietario del team ufficiale Ducati in Superbike. Due anni in Superstock, con titolo vinto nel 2017, e l’assaggio di Mondiale l’anno dopo, limitato alle sole tappe continentali. Con la terza V2 “factory”, a fianco di Davies e Melandri, Rinaldi finì sette gare su sedici nella top ten, con il sesto posto a Brno come “personal best”. Cecconi era convinto che con Barni, nel 2019, Rinaldi avrebbe trovato una situazione tecnica da protagonista,  ma  la storia è andata diversamente (13° posto finale). In Go Eleven Michael ha trovato componenti tecnici più simili a quelli del team interno (sospensioni Ohlins invece delle Showa prerogativa di Barni) per cui lo scambio di dati adesso è più proficuo. I risultati si stanno vedendo: dopo cinque round Rinaldi ha solo dieci punti in meno di Davies, ma una vittoria in più…

Chaz Davies come Andrea Dovizioso 

A questo punto Chaz Davies che farà nel 2021? In Superbike sono rimaste solo due moto (e ingaggi…) di livello:  Yamaha ufficiale e Honda HRC. Nel primo caso la lista di candidati è lunga un chilometro: in pole c’è Loris Baz, pupillo del capo della filiale europea Eric De Seynes, ma alla fine potrebbe spuntarla Jonas Folger, che con Yamaha è andato a podio in MotoGP, secondo posto al Sachsering 2017 a tre secondi da Marc Marquez. Folger sarà wild card a Barcellona: la gestione è curata dallo stesso team con cui sta dominando l’IDM (la Superbike tedesca) ma avrà una YZF-R1 con tante specifiche “Factory”. La In Honda c’è il punto interrogativo Leon Haslam, che è in scadenza di contratto. Il britannico sta lavorando bene allo sviluppo della nuova Fireblade, non è scontato che HRC se ne liberi. Ma Chaz Davies con Alvaro Bautista non sarebbe una bella coppia?

Foto: Go Eleven/Luca Gorini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Gianni Ramello

Superbike: GoEleven diventa “Storie di una vita” il libro del sogno diventato realtà

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Mondiale difficile al primo tentativo”

ana carrasco

Ana Carrasco, inizia la riabilitazione: le cicatrici sulla schiena