Superbike, Jonathan Rea

Superbike: Jonathan Rea “Arrivederci Imola, mi mancherai tanto”

Dorna sta preparando un calendario d'emergenza per salvare il Mondiale 2020. Imola non ci sarà, mancherà a tutti, anche a Jonathan Rea

1 maggio 2020 - 10:56

La Superbike 2020 non ha ancora un calendario. Scordatevi quello pubblicato ad inizio anno, Dorna sta riorganizzandosi per correre a porte chiuse su cinque-sei tracciati da luglio a novembre, salvando così la stagione. Le derivate dalla serie hanno già disputato il round in Australia, a fine febbraio. Tenendo conto delle indicazioni arrivate da Carmelo Ezpeleta (“Potremmo correre solo in Europa“) abbiamo provato ad ipotizzare un calendario d’emergenza (leggi qui)  che potrebbe snodarsi fra Gran Bretagna  (luglio), Austria (agosto) e poi sui quattro circuiti spagnoli da settembre a fine campionato. In questo modo si limiterebbero spostamenti e le mille restrizioni imposte dall’emergenza Covid-19.

Arrivederci Imola

Date e circuiti originali quindi sono un ricordo. Sfuma, per quest’anno, la possibilità di rivedere la Superbike a Imola. Un’assenza che pesa a tutti e in particolare a Jonathan Rea che su questo tracciato ha vinto otto volte: la prima doppietta nel 2014 con la Honda, poi altri trionfi con Kawasaki nel 2015, 2018 e 2019. Dal 2014 in qua il Cannibale sui saliscendi del Santerno non ha mai fatto peggio di secondo! “E’ un tracciato speciale, non solo perchè ci ho vinto tante gare” ricorda Jonathan Rea. “Ha uno sviluppo vecchio stampo, si nota subito che l’origine è stradale. Mi piace soprattutto perchè in molti punti puoi fare la differenza adattando la posizione del corpo sulla moto, un pò come si fa nel motocross. Io vengo dal fuoristrada (è stato campione irlandese junior, ndr) sarà per questo che mi trovo a meraviglia…”

Tutto bene, purchè si corra

Imola mi mancherà, ma sono sicuro che ci rivedremo l’anno prossimo. Sto passando i miei giorni a casa, con la mia famiglia, come tutti voi, sperando che l’emergenza passi in fretta e si possa riprendere a vivere, e correre. Sono in contatto con la mia squadra e con Dorna, so che stanno facendo un grande sforzo per allestire nuove date e circuiti. Mi va bene dovunque, basta tornare in pista. Mi manca tutto, ho una carica enorme. Appena sarà possibile, torneremo a divertici. Più di prima.”

1 commento

marcogurrier_911
13:28, 1 maggio 2020

Bravo Johnnny Imola rimane nel nostro cuore e L appuntamento che salta è un grosso colpo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Aprilia

Superbike, “Far correre l’Aprilia 1100 nel Mondiale? Non se ne parla”

Superbike, Gianni Ramello

Superbike: GoEleven diventa “Storie di una vita” il libro del sogno diventato realtà

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Mondiale difficile al primo tentativo”