Superbike, Alvaro Bautista

Superbike Jerez, Alvaro Bautista e Honda ad andamento lento

Alvaro Bautista incassa dieci secondi con la Honda sullo stesso tracciato dove un anno fa, con la Ducati, aveva fatto la differenza. "Con il caldo non ho aderenza"

2 agosto 2020 - 10:18

Nella Superbike a Jerez, l’anno passato, Alvaro Bautista il sabato aveva scavato il solco con la Ducati Panigale V4 R. Un successo mai in discussione, la superiorità del binomio pilota-moto era stata indiscutibile. Con la Honda invece la stessa corsa non è andata esattamente come lo spagnolo sperava. Soltanto settimo posto, a dieci secondi esatti dalla moto che guidava lui. Che ha vinto anche stavolta, con un altro pilota…

“Il caldo ci ha mandato in crisi”

“L’anteriore scivolava via ad ogni curva, e quando non hai aderenza c’è ben poco da fare” ha commentato Alvaro Bautista. “Alla curva quattro ho salvato la situazione alla Marc Marquez”. Li Alvaro ha capito che stava superando il limite, e tanto valeva evitare un’altra caduta dopo quella accusata nella Superpole Race a Phillip Island. “Nei test di Aragon abbiamo fatto modifiche sull’anteriore, che adesso mi dà molta più fiducia. Il sabato, con 40°C d’asfalto, sembravano funzionare, avevo un buon feeling e potevo spingere. Ma con l’aumento della temperature siamo andati fuori strada, l’aderenza è diminuita di colpo”.

“Dobbiamo risolvere problemi”

Nonostante il lavoro di HRC e i proclami del pilota, qui a Jerez il podio per la Honda sembra più lontano di quanto non fosse nell’apertura in Australia. “Non mi preoccupo, questi sono i tipici problemi che dobbiamo risolvere. Abbiamo idee molto chiare su come portare avanti lo sviluppo della moto, ma ci vorrà tempo. Qui la cosa positiva è che il nostro problema principale è emerso molto vistosamente.”

Foto: Diego De Col

 

1 commento

quattordici800_14945882
18:41, 2 agosto 2020

Bau bau, mi sembra ieri di aver letto il tuo commento dopo la presentazione della CBR-RR-RR-RR-R ,non so esattamente quante R ci siano:avete visto che non sono pazzo!!!infatti io,uno che passa dal dare 10 secondi a rea a prenderne 10 da redding con la tua ex moto,non lo chiamerei pazzo, bensì c…….one!!!forza Ducati!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike

Superbike Portimao: Toprak dà spettacolo in FP1, doppietta Yamaha

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea teme lo stop del Mondiale “Meglio essere davanti”

Superbike

Superbike Portimao, gli orari delle dirette TV su Sky Sport Arena e TV8