Superbike, Jonathan Rea

Superbike Donington: Sul bagnato Jonathan Rea in modalità distruzione

Nella FP3 arriva la pioggia e Jonathan Rea diventa imprendibile. Gli inseguitori nel Mondiale restano tutti indietro, Scott Redding cade

3 luglio 2021 - 10:30

Arriva la pioggia sulla Superbike a Donington e Jonathan Rea veste i panni di mago del bagnato. Nella terza sessione di prove, appena trenta minuti, il Cannibale ha realizzato il miglior tempo infliggendo distacchi pesantissimi a chiunque. In grave difficoltà gli inseguitori nel Mondiale. Toprak Razgatlioglu ha l’ottavo tempo, staccato di quasi quattro secondi. Scott Redding ne ha beccati cinque ed è pure scivolato sul finire della sessione. Lontanissima anche l’altra Ducati ufficiale di Michael Rinaldi, sedicesimo tempo a quasi sette secondi da Rea.

Quante pressione!

La pioggia  dopo un venerdi completamente asciutto ha mandato tutti in confusione, eccetto il pilota che non a caso conquista il mondiale da sei lunghi anni. Jonathan Rea ha compiuto un unico “run” di otto giri, migliorando progressivamente il proprio limite, inarrivabile per chiunque. La Kawasaki ha calcolato al millimetro assetto e regolazioni d’elettronica, tanto che l’altra Ninja di Alex Lowes è seconda, a poco più di un secondo dal mattatore. Dietro le due Kawasaki i piloti “anfibi“: Leon Haslam, con la Honda, e Tom Sykes punta BMW. Sul bagnato possono entrambi giocarsi il podio. Jonathan Rea con questa FP3 ha messo una enorme pressione addosso a Toprak e Redding, entrambi chiamati a risolvere in fretta una situazione tecnica difficilissima. C’è tempo fino alle 15 (italiane) di oggi per provare a metterci una pezza.

Chaz Davies gira sopra al dolore

Axel Bassani è stato il ducatista più veloce in questa FP3, firmando un ottimo sesto tempo, anche se parliamo di ritardo superiore ai tre secondi rispetto al capobranco. Il debuttante veneto precede Chaz Davies, che risente ancora dei postumi dell’infortunio alla spalla destra subìto a Misano. “Con il bagnato farò meno fatica, in queste condizioni potrebbe essere meglio per me” ha commentato il gallese. Oltre a Redding, atterrato al tornante Melbourne, in apertura di sessione era andato in terra anche Jonas Folger, protagonista di una lunghissima scivolata in ingresso alla Coppice.

Pirelli porta nuova soluzioni “rain” 

Di norma i team Superbike hanno un’opzione unica di gomma da pioggia ma a Donington sono due.  Oltre all’anteriore e posteriore di gomma sono disponibili l’anteriore A0593, che è una novità assoluta: secondo i tecnici Pirelli dovrebbe offrire maggiore grip. Dietro invece è stata portata anche la X1251 che i piloti hanno già sperimentato la scorsa stagione a Magny Cours, adottandola in blocco.

Alle 12:10 sfida per la Superpole 

Il primatista sul giro secco a Donington è Tom Sykes, scattato davanti in ben nove occasioni. Nel 2019, l’ultima volta che il Mondiale ha gareggiato sul tracciato dell’East Midland, fu proprio il Boscaiolo a partire davanti a tutti con la BMW. Lo stesso Sykes, che sul bagnato vola, qui ha vinto nove volte. Qui gli orari del week end

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

1 commento

marcogurrier_911
11:07, 3 luglio 2021

Avete detto bene: non a caso, sei volte Campione

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ducati, Superbike

Ducati, è un sabato da impazzire: doppietta MotoGP e tripletta Superbike

Superbike, Montmelò

Superbike Montmelò: Redding e Ducati arpionano gara 1, Toprak rompe

Superbike, Tom Sykes

Superbike Montmelò: La Superpole è di Tom Sykes, lo scaricato da BMW