Superbike, Alvaro Bautista

Superbike: Ciao Redding, la Ducati scommette su Bautista e Petrucci

La mossa BMW ha dato un'accelerata al mercato piloti 2022. La Ducati riparte con Bautista e punta forte su Danilo. Ma anche Rinaldi avrà la Panigale V4 R Factory

19 agosto 2021 - 15:50

A mettere la pietra tombale sull’avventura di Alvaro Bautista in Ducati Superbike era stato l’amministratore delegato in persona, Claudio Domenicali, con un tweet irridente. Il vertice aziendale era convinto che, una volta mandato in fumo un mondiale quasi vinto, lo spagnolo sarebbe rimasto a ingaggio di saldo, per riprovarci. Ma la forza di persuasione del milione di euro messo sul piatto dalla Honda era stata più forte del desiderio di rivincita. Il matrimonio era finito malissimo, a dispetto delle sedici vittorie e dei ventiquattro podi conquistati: a conti fatti nessun ducatista dai tempi del mondiale di Carlos Checa (2011) aveva vinto quanto Alvaro.

Bau-Bau, il ritorno

Preferendo i soldi alla causa, Alvaro aveva profondamente ferito anche il popolo ducatista. Per questo, quando abbiamo rivelato che c’era una trattativa per ripartire insieme nel 2022, tanti non ci hanno creduto. Eppure era vero, tanto che adesso manca solo l’annuncio ufficiale. L’accordo fra Scott Redding e la BMW, annunciato oggi, è la conferma che il team Aruba.it ha deciso di puntare sul figliol prodigo. Non è una follia, ma un calcolo preciso: in una stagione e mezzo Redding, Davies e Rinaldi in tre non sono riusciti a vincere quanto Bautista da solo, in un unico campionato. La speranza Ducati è ripartire da dove il progetto si era arenato. Okay, Alvaro cade spesso, per questo nel 2019 Jonathan Rea lo ha fregato. Ma quando resta in piedi…vince. Gigi Dall’Igna, che Bautista lo conosce benissimo fin dai tempi della 125 e 250, è convinto che nel 2022 Alvaro sbaglierà meno.

Le carte di Petrucci 

Michael Rinaldi ha un contratto in scadenza a fine 2022, quindi – sulla carta – dovrebbe essere il 24enne riminese ad affiancare Bautista. Ma non è detto. Anche Chaz Davies, oggi, è legato contrattualmente a Ducati Corse, ma è in prestito a Go Eleven, formazione satellite che ormai è la seconda squadra Aruba.it E’ probabile che Rinaldi sia destinato a tornare dove nel 2020 aveva fatto benissimo, rilevando Davies. Michael avrebbe identico trattamento tecnico “factory” senza la pressione di dover vincere a tutti i costi. Al suo posto arriverà Danilo Petrucci, sempre che il pilota umbro abbassi un pò le pretese. Si discute sia sull’entità che sulla durata dell’ingaggio: Danilo vuole un biennale, Ducati offre un 1+1, cioè un anno di contratto più l’opzione di rinnovo a proprio favore. Alla fine, sono dettagli: una soluzione si troverà. Con Bautista-Petrucci la Ducati avrà una coppia super. Se basterà per vincere il Mondiale ce lo dirà la pista.

3 commenti

Macx
18:30, 19 agosto 2021

solita gestione a cazzo di cane…….
anche quest anno il mondiale lo vinciamo l’anno prossimo………………..

    Max75BA
    12:16, 20 agosto 2021

    Scott sta disputando un buon campionato ma non sta lottando per il titolo…non è riuscito lo step in alto che ci si aspettava…è normale che sia stato messo in discussione dalla Ducati, bel personaggio ma decisamente meno memorabile in pista rispetto al Chaz dei tempi d’oro…

    Ringhietto
    21:06, 19 agosto 2021

    In Ducati (SBK o GP) i problemi sono solo i piloti….seee come no…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ducati, Superbike

Ducati, è un sabato da impazzire: doppietta MotoGP e tripletta Superbike

Superbike, Montmelò

Superbike Montmelò: Redding e Ducati arpionano gara 1, Toprak rompe

Superbike, Tom Sykes

Superbike Montmelò: La Superpole è di Tom Sykes, lo scaricato da BMW