Superbike Davies

Superbike, Chaz Davies si ritira: “Sono pronto a voltare pagina”

Il mondiale Superbike perderà Chaz Davies al termine del 2021: il gallese appende il casco al chiodo e si ritira. "

23 settembre 2021 - 18:06

La sala conferenza è piena di personaggi Superbike, l’occasione lo richiede. Le derivate di serie salutano uno dei suoi interpreti di maggiore spessore negli ultimi anni. A Jerez si consuma il ritiro di Chaz Davies dopo la conferenza annunciata al mattino. Una volta arrivata la comunicazione, è stato spontaneo per quasi tutti pensare che fosse arrivato il momento per il gallese di appendere il casco al chiodo. Il momento è arrivato e non è stato per niente facile.

“Pronto ad aprire un nuovo capitolo”

Non è una cosa facile da comunicare e Chaz lo comunica con la voce tremante: “Sfortunatamente sarà la mia ultima stagione in Superbike. Non è stata una decisione facile, ci ho pensato molto ma quando è fatta è fatta. Credo che sia il momento giusto, anche se non è semplice. Ci sono tante ragioni dietro questa scelta, ma sono convinto che sia la decisione corretta. Sono pronto a voltare pagina e aprire un nuovo capitolo”.

“Sono grato che ci siano così tante persone oggi, capisco quanto mi hanno dato le gare. Ho un sacco di bei ricordi… però non voglio piangere!”, sorride. “Non posso che essere grato a questo paddock e ricordare per sempre le gare italiane: i ducatisti mi hanno fatto sentire qualcosa di speciale”. Una decisione maturata da tempo: “Ci ho pensato anche l’anno scorso, ma sentivo ancora quel feeling e ho chiuso il 2020 vincendo all’Estoril. Mi sono divertito anche quest’anno e conosciuto tante belle persone, ma adesso sono sicuro che fermarsi sia la scelta giusta”

I numeri di una carriera straordinaria

Campione del mondo Supersport nel 2011, Chaz ha iniziato la sua carriera nella Superbike nel 2012. Nell’anno di debutto centra i suoi primi podi e la sua prima vittoria in Germania con il team ParkinGO, con cui aveva per altro conquistato il titolo iridato l’anno precedente. Nel 2013 conquista altre vittorie con BMW, mentre nel 2014 arriva il passaggio con Ducati, che non lascerà fino a oggi.

Con la casa di Borgo Panigale Davies diventa tre volte vice campione del mondo (2015, 2017 e 2018) e conclude altre due volte nella top 3 mondiale (2016 e 2020). Per il gallese i numeri parlano da soli: 32 vittorie, 99 podi, 7 pole position. Chaz non si è mai tirato indietro, neanche di fronte ad annate con infortuni dove è comunque riuscito a dire la propria senza mollare un colpo. Caratteristiche che lo hanno portato a essere uno dei piloti più apprezzati dagli appassionati.

La speranza adesso è quella di poterlo vedere chiudere in pista dopo la rottura di due costole che lo estrometterà dai prossimi round. “Non voglio concludere la mia carriera in ospedale! Spero di esserci in Argentina e mi piacerebbe tornare lì, è il mio obiettivo. La mia avventura qua non può finire in questo modo e farò di tutto per esserci”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

Anonimus
21:03, 23 settembre 2021

Notizia che mi rattrista molto… non posso far altro che ringraziarlo per essere stato uno dei pochi ad aver tenuta viva la SBK in uno dei periodi più noiosi di sempre.

FRA 1988
18:35, 23 settembre 2021

Chaz ha sarebbe stato giusto proseguire con prestazione non all’altezza degli anni d’oro. Nel periodo V2 era veramente un grande interprete,ma con la V4 Ducati ha sempre sofferto Bautista e Redding.Peccato,ma 32 vittorie e 99 podi lo mettono dietro solo ad Haga come campione senza corona iridata.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “Che bello finire davanti a Toprak!”

Scott Redding, Superbike

Superbike Argentina Gara 2: Redding ruggisce, Rea tiene vivo il Mondiale

Superbike Argentina 2021

LIVE Superbike Argentina/gara-2: vince Redding, Rea davanti a Toprak