Superbike, Chaz Davies

Superbike Catalunya, Chaz Davies vince gara 2 da separato in casa

Chaz Davies vince la sfida finale al Montmelò ma a fine stagione saluterà Ducati. Jonathan Rea solo quarto ma guadagna altri punti su Scott Redding

20 settembre 2020 - 15:41

La Ducati sbanca gara 2 al Montmelò ma perde ancora terreno nel Mondiale. Situazione paradossale per la marca bolognese che ha applaudito la vittoria di Chaz Davies, che a fine stagione lascerà dopo sette anni di matrimonio, e sofferto per Scott Redding affossato in sesta posizione e sempre più lontano dalla vetta.  Anche per Jonathan Rea è stato un pomeriggio difficile (quarto posto), ma nonostante tutto la Kawasaki ha guadagnato altri tre punti. Adesso Redding ne ha 51 di ritardo, l’iride Superbike che manca dal 2011 anche stavolta  rischia di restare un sogno. Davies non vinceva da Laguna Seca 2019, unico lampo della scorsa stagione: in carriera ne ha messe in fila 31. Con il gallese la  Ducati ha rintuzzato gli attacchi di una Yamaha molto efficace, tanto da piazzarne due sul podio: Michael van der Mark solo nelle ultime curve ha avuto ragione di un velocissimo Garrett Gerloff. Su questa pista dove aveva fatto i test, lo statunitense del team GRT ha preso il volo. La stessa Yamaha aveva arpionato la gara sprint al mattino con lo stesso van der Mark.

Michael Rinaldi motore rotto 

Chaz Davies è stato l’unico ducatista felice, perchè anche Michael Rinaldi si è dovuto arrendere causa cedimento del motore. In quel momento era quarto, il pilota Aruba.it Ducati 2021 ormai è una presenza stabile nelle posizioni top, nonostante corra con la Panigale 2019 gestita da Go Eleven, una piccola formazione privata. Qui al Montmelò, tanto per dire, è partito con l’handicap di non aver partecipato alle due giornate di test a metà luglio.

Alvaro Bautista non è partito

La corsa ha perso uno dei protagonisti già prima del via. La Honda HRC di Alvaro Bautista ha avuto un problema nel giro di allineamento, costringendo lo spagnolo a rientrare in pit lane e poi ad alzare bandiera bianca. Per il rientro imprevisto sarebbe comunque dovuto partire in coda allo schieramento. E anche  con il quinto metatarso del piede destro fratturato nella rovinosa caduta della Superpole Race.

Jonathan Rea allunga le mani sul sesto 

Jonathan Rea ha il sesto titolo Mondiale in tasca. Restano infatti solo due round alla conclusione del campionato: il 3-4 ottobre la Superbike sarà di scena a Magny Cours (Francia), prima del gran finale previsto ad Estoril (17-18 ottobre). Il 33enne nordirlandese potrebbe chiudere i giochi già nel prossimo round, se riuscirà a guadagnare undici punti su Redding. E’ tutto nelle sue mani, perchè vincendo le tre gare francesi sarebbe campione aritmeticamente, in anticipo.

1 commento

marcogurrier_911
17:57, 20 settembre 2020

Sette anni e matrimonio….combinazione infausta. Dispiace

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea 6 mondiali “In Testa”

Ducati, Panigale V2

Ducati, prove di futuro con Panigale V2 955 e Randy Krummenacher

Superbike, Jonas Folger

Superbike, BMW raddoppia con Jonas Folger e il team MGM?