Superbike, Alex Lowes

Superbike: Alex Lowes non è pronto, salta i test Kawasaki a Portimao

Alex Lowes costretto a saltare i test Kawasaki in Portogallo, la spalla non è ancora a posto. Jonathan Rea unico "ufficiale" in pista

2 marzo 2021 - 17:41

Alex Lowes non prenderà parte ai test Kawasaki Superbike in programma il 4-5 marzo sul tracciato portoghese di Portimao. Il pilota britannico si è lesionato una spalla in allenamento, un mese fa, e non è ancora tornato in condizioni ideali. Così il team ha deciso di concedergli ulteriore tempo di recupero, considerando quanto il saliscendi dell’Algarve sia impegnativo dal punto di vista fisico. Ma soprattutto perchè ormai è noto che il Mondiale Superbike non comincerà prima di fine maggio, per cui c’è tutto il tempo per ristabilirsi e riprendere contatto con la nuova Ninja. Il campionato, ad oggi, dovrebbe prendere il via l’8-9 maggio all’Estoril, ma in settimana Dorna comunicherà una nuova bozza di calendario (sarà la terza…) con partenza prevista il 29-30 maggio dal Motorland Aragon, in Spagna.

“Vogliamo girare a tutti i costi”

Scendere in pista a Portiamo ha richiesto un impegno impressionante “perchè i protocolli Covid-19 in questa regione sono severissimi, quandi confermare il test ci ha impegnato molto  sotto il profilo logistico” spiega Guid Roda, responsabile delle operazioni di Kawasaki Racing Team. “Queste due giornate sono una tappa importantissima nel nostro programma di sviluppo della nuova moto. Il nostro desiderio era verificare le novità introdotte (nuovo motore, aerodinamica e alcune parti di ciclistica, ndr) su una pista completamente diversa da Jerez, dove abbiamo girato nelle scorse settimane. Speriamo che stavolta il meteo ci sia clemente”. 

“Costruiamo velocità e fiducia”

A spingere perchè questo collaudo non saltasse è stato Jonathan Rea, che ha Portimao ha vinto dodici volte (20 presenze sul podio!) e quindi ha desiderio di verificare i progressi tecnici su una pista che conosce come le sue tasche. “L’obiettivo è verificare i progressi che con questa nuova versione abbiamo compiuto a livello di motore” spiega il sei volte campione del mondo. “Nelle uscite precedenti non abbiamo mai trovato condizioni meteo ideali, quindi ancora non mi sono fatto un’idea esatta del potenziale”. Siccome il motore 2021 è assai diverso dal precedente, questo test servirà a KRT anche per verificare la configurazione di cambio  calcolato al computer. E’ un fattore importantissimo perchè, per regolamento, i rapporti interni del cambio non si possono sostituire, quindi è fondamentale sceglierli in modo che possano adattarsi bene ad ogni tipo di circuito, potendo unicamente variare pignone e corona.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Instagram

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike Razgatlioglu

Superbike, calvario senza fine per Razgatlioglu: salta i test ad Aragón

Superbike Honda

Superbike retrospective: Honda CBR 1000 RR Fireblade, quarta parte La riscossa della HRC

Superbike, Carl Fogarty

Carl Fogarty: “La MotoGP è stata il chiodo nella bara per la Superbike”