Supersport, Steven Odendaal

SSP, Steven Odendaal cade a Barcellona: test concluso in anticipo

Steven Odendaal, pilota dell'Evan Bros. WorldSSP Yamaha Team, riporta la lussazione della spalla durante i test a Barcellona. Resterà fermo 20 giorni.

31 marzo 2021 - 8:58

Il test di Barcellona si chiude amaramente per l’Evan Bros. WorldSSP Yamaha Team e Steven Odendaal. Nella seconda sessione della prima giornata il pilota sudafricano ha rimediato un violento highside alla curva 2, riportando la lussazione della spalla destra. Dopo i primi controlli presso il centro medico del circuito, si è reso necessario il trasferimento nell’ospedale di Granollers. Odendall resterà a riposo per una ventina di giorni prima di tornare al allenarsi. In vista ci sono i prossimi test e la prima gara stagionale in programma dal 21 al 23 maggio ad Aragon.

L’Evan Bros. WorldSSP Yamaha Team lascia il Montmelò con grande rammarico. Ma consapevole di avere un ottimo potenziale con cui dare l’assalto al prossimo campionato Supersport. 34 giri all’attivo e quarta posizione nella classifica combinata delle due sessioni grazie al tempo di 1’45”744. Il feeling tra Odendaal e la sua Yamaha YZF-R6 sembra già ottimale, non resta che attendere il suo recupero e fissare nuove date per i test. “Abbiamo iniziato questi test con lo spirito giusto, ed anche il lavoro stava procedendo in maniera corretta. Purtroppo una brutta caduta ha interrotto il nostro percorso – dichiara il sudafricano -. Non c’è molto da dire, sono cose che possono succedere: ora devo solamente pensare a recuperare nel minor tempo possibile“.

Da qui all’inizio della stagione 2021 c’è ancora tempo e il team si dice pronto a cambiare il programma di test. “Siamo arrivati a Barcellona desiderosi di proseguire il programma di lavoro iniziato a Misano – spiega il team principal Fabio Evangelista -. Ed è quello che abbiamo ottimamente fatto fino alla caduta, che purtroppo è un qualcosa che fa parte del gioco. I positivi riscontri ottenuti prima dello stop forzato ci hanno dato la conferma che possiamo lottare per le posizioni di vertice. Io e tutto il team auguriamo a Steven una pronta e rapida guarigione: lo aspettiamo trepidanti per continuare insieme questa eccitante avventura”.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike,Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea facci vedere dove puoi arrivare con la Ninja ’21

Superbike Razgatlioglu

Superbike, calvario senza fine per Razgatlioglu: salta i test ad Aragón

Superbike Honda

Superbike retrospective: Honda CBR 1000 RR Fireblade, quarta parte La riscossa della HRC