Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Test noiosi, sono nato per combattere”

Scott Redding non brilla nella seconda giornata di test Superbike a Phillip Island. Ma si dice pronto per la gara: "Sono nato per combattere".

25 febbraio 2020 - 15:20

La Ducati chiude il test Superbike di Phillip Island con Scott Redding al sesto posto. Un risultato che non mette proprio di buon umore, ma secondo il campione BSB ha poco valore. Quattro i decimi di ritardo dalla Kawasaki di Jonathan Rea, ma i punti per il campionato si assegnano nel week-end. “Siamo stati in grado di ridurre il nostro ritardo sono contento. Siamo migliorati e mi sento più a mio agio. Ora sappiamo come dovrebbe essere la nostra base per il weekend di gara“.

A complicare la giornata di Scott Redding una caduta causata da una frenata troppo…esuberante. “La ruota anteriore è scivolata via, succede quando si spinge. Per la prima volta in due giorni ho avuto un buon feeling con la ruota anteriore, anche se sono caduto. Va bene, è colpa mia, la moto ha funzionato bene“. Il neo pilota Ducati accusa ancora qualche problema sul giro secco, ma si dice certo di poter dire la sua in gara. “Devo ancora capire come si comportano le gomme Pirelli se seguo altri piloti in gara. Ho compiuto diversi diverse  simulazioni (ma non sulla distanza di gara, ndr) ma le gare sono sempre diverse”.

Nel primo appuntamento della stagione 2020 di Superbike sarà sicuramente più emozionante. “I test sono belli, ma noiosi – ha aggiunto Scott Redding -. Credo che vedremo buone gare perché diversi produttori sono al top. Ci sono alcuni piloti spericolati che saranno molto veloci all’inizio. E altri che avanzeranno solo verso la fine della gara. Sarà interessante da guardare per tutti“. Ma la sfida con Jonathan Rea non sarà per nulla facile, anche per un arrembante pilota ex MotoGP. “Sono nato per combattere. Vengo dal campionato britannico, lì nessuno fa complimenti, quindi so come si fa.  Quando c’è una rissa, voglio essere lì“. E lancia la sfida a Chaz Davies: “Devi prima battere il tuo compagno di squadra e poi gli altri“.

1 commento

marcogurrier_911
13:29, 25 febbraio 2020

Scott “ganassa style”…..attento che poi ti bruci…..che non avrà ben capito con chi ha a che fare?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Michael van der Mark

Superbike, Olanda in agosto piace a van der Mark: “Stavolta non nevicherà”

Superbike, Gregorio Lavilla

Superbike, Lavilla: “Dobbiamo ridurre gli effetti collaterali”

superbike assen

Superbike: Il round ad Assen rinviato a fine agosto