Superbike, Scott Redding e Michael Rinaldi

Superbike, Scott Redding: “Rischio tutto, Jonathan Rea non è invincibile”

Scott Redding alla sua seconda stagione nel Mondiale Superbike è pronto a dare l'assalto al titolo 2021. Al suo fianco ci sarà il neo arrivato Michael Rinaldi.

21 maggio 2021 - 8:14

Il Mondiale Superbike prende il via al MotorLand di Aragon, Ducati vuole recitare il ruolo da protagonista. Alla pari della MotoGP a Borgo Panigale sognano in grande. Line-up piloti cambiata per metà, con il giovane Michael Rinaldi che sostituisce il veterano Chaz Davies. Ma la punta di diamante resta Scott Redding, vicecampione in carica, fortemente intenzionato a spezzare il monopolio di Jonathan Rea. “Ho un obiettivo e rischierò tutto per raggiungerlo“, dice a WorldSBK. “Non è invincibile. L’ho già battuto. Devo solo perfezionare qualche cosa. Non sto cercando scuse“.

Durante l’inverno i tecnici del team Aruba.it Racing Ducati non hanno compiuto stravolgimenti sulla V4R. Grande attenzione ai dettagli, a fare la differenza ci proverà Redding “Power”. L’obiettivo è mettere fine a questo periodo di siccità iridata che va avanti dal 2011. “E’ il momento che stiamo aspettando da tempo. Abbiamo lavorato molto in questi mesi e non vedo l’ora di poter scendere in pista. Quello di Aragon probabilmente non è il mio circuito preferito, ma abbiamo dimostrato durante i test di poter essere competitivi. Nella passata stagione ho fatto tanta esperienza, ho conosciuto nuovi circuiti, ho imparato a comprendere le gomme, ho familiarizzato con il format di WorldSBK. Questo potrà essere molto utile per dare la caccia al titolo mondiale“.

Rinaldi al debutto da ufficiale

Nella stagione Superbike 2021 al suo fianco ci sarà Michael Rinaldi. Al momento dell’ufficialità del suo arrivo Scott Redding fu abbastanza critico verso il suo datore di lavoro. Chaz Davies ha una corporatura simile alla sua, il confronto dei dati poteva rivelarsi utile, con il pilota italiano decisamente più basso e più leggero di una quindicina di chili. Ma il dado è tratto, Ducati ha voluto affiancargli un giovane arrembante che sia anche di maggior stimolo per il britannico. Debutto nel team ufficiale sul circuito di Aragon: “Sono molto sereno perché il Motorland è una pista che si adatta molto bene sia al mio stile di guida che alla moto“, dichiara il 25enne romagnolo. “La chiave sarà rimanere tranquilli per il week end e cercare di raccogliere i migliori risultati possibili“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

FRA 1988
10:59, 21 maggio 2021

Attenzione Redding che a fare titoloni su Rea ti ritrovi anche Rinaldi davanti. L’italiano non ha nulla da perdere
ma tutto da guadagnare, dato che parte da seconda guida. Ma l’anno scorso ha fatto intravedere del potenziale e può prendersi delle soddisfazioni.

    Max75BA
    11:32, 21 maggio 2021

    Il duo Rea/Kawa è così strepitoso da sembrare imbattibile…per rivedere il titolo in Ducati Scott dovrà essere costante con risultati di rilievo e gli altri ducatisti ufficiali e non dovranno togliere punti al pilota più forte in assoluto della sbk.
    Forza Ducati

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “A Navarra servono le palle”

Superbike Navarra

Superbike, test Navarra: Rea, con queste Yamaha la lotta è dura!

Superbike, Jonathan Rea

Test Superbike, Jonathan Rea: “Fantastico testare a metà stagione”