Superbike, Scott Redding a Phillip Island

Superbike: Scott Redding a tutto gas, ma basterà?

Scott Redding subito veloce nelle prove libere a Phillip Island. Ma già a partire dalle qualifiche il pilota Ducati potrebbe trovarsi in difficoltà.

28 febbraio 2020 - 13:48

Il primo venerdì della sua nuova avventura in Superbike va in archivio come Scott Redding sperava. Velocissimo sul bagnato (“E dire che nel BSB l’acqua mi faceva soffrire“), altrettanto efficace sull’asciutto. Tutto perfetto? Ni. Perchè il neo ducatista ha volato nell’ultima uscita di quattro tornate, con gomma nuova, ma non altrettanto nella simulazione precedente. Diciassette giri (in gara saranno 22) con un ritmo troppo blando per poter sperare di tenere la scia di Jonathan Rea. “Salire sul podio alla mia prima sfida in questo campionato sarebbe eccezionale, magari la vittoria…“, sorride Scott Redding. Se la gomma regge, lo può fare, eccome.

SCOTT: “MEGLIO DEI TEST”

Nei collaudi di inizio settimana SC45 aveva un sofferto eccessivo consumo anche dell’anteriore. “Ma abbiamo fatto modifiche, la situazione adesso è migliore. La simulazione? Ho guidato al 70%, non volevo esaurirmi. Inoltre ero da solo, senza scia. Qui avere un bel traino fa una bella differenza“. Sabato in qualifica utilizzerà per la prima volta una gomma morbida durante un week-end di Superbike. “Ho solo un tentativo e non voglio rovinare tutto. Mi sento sempre lento con le gomme da qualifica, ma ti dà il 10% in più di grip. Nel tempo questo fa una grande differenza“.

COME ALVARO BAUTISTA?

Un anno fa la Ducati qui fece il pieno con uno scatenato Alvaro Bautista. “Sarebbe bello fare qualcosa di simile, ma tenteremo quando saremo pronti. Non so come funzioni questo campionato. Non ho esperienza, mi sono fatto delle idee ma non so se funzioneranno. Intanto ci sarà da qualificarsi, la Superpole è un altro mezzo mistero per me. Con la supersoffice, nei test, mi sembrava di andare sempre troppo piano“. In gara molto potrebbe cambiare per il campione alla sua prima esperienza nel Mondiale Superbike. “Non ho esperienza, non saprò cosa è giusto o sbagliato fino alla prima gara. Finora sembra a posto – ha sottolineato Scott Redding -. Rispetto alla Yamaha, perdiamo solo nel primo settore, dove potremmo migliorare. Ma penso che abbia più a che fare con il carattere della moto“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Sono abituato ad essere un campione”

Superbike Imola

Superbike: Il round di Imola si correrà, a fine luglio l’alternativa?

Superbike, Loris Baz

Superbike: Loris Baz, il motore Yamaha 2020 arriverà dopo lo stop forzato