Jonathan Rea, Superbike

Jonathan Rea: “Io wild card in MotoGP con la Kawasaki? Assurdo”

Il Cannibale smentisce Carmelo Ezpeleta: "Kawasaki nè io abbiamo mai non ha mai chiesto di correre in MotoGP con la Superbike, sarebbe assurdo"

14 marzo 2020 - 7:52

Jonathan Rea e la Kawasaki non hanno mai chiesto a Dorna la wild card per correre in MotoGP. Lo precisa il cinque volte campione del Mondo, smentendo quanto Carmelo Ezpeleta aveva sostenuto nelle scorse settimane. “Kawasaki ci ha chiesto di correre come ospite in MotoGP con la loro Superbike”, aveva detto il boss della top class. Evidentemente era una “provocazione”, visto che neanche a livello regolamentare sarebbe stato possibile. La MotoGP, per definizione, è la categoria dei prototipi, mentre la Kawasaki ZX-10RR è una derivata dalla produzione dalla serie.

IL SILENZIO DI KAWASAKI

In Australia, interpellati sull’argomento, i dirigenti di Provec – la formazione spagnola che gestisce l’impegno Kawasaki nel Mondiale Superbike – si erano trincerati in un silenzio d’opportunità. “Noi in MotoGP come wild card? No comment”, era stata la laconica risposta. Provec, che ha sede a Barcellona, non voleva smentire pubblicamente Ezpeleta. Ma ci ha pensato Jonathan Rea, a cui ovviamente i giochi e le convenienze politiche interessano assai meno. “Non ho davvero capito come sia potuta venire in mente una cosa del genere, magari sarebbe stato divertente, ma è uno scherzo. Non ho mai pensato ad una simile eventualità”.

“COME SFIDARE UNA F1 CON UNA VETTURA TURISMO”

Jonathan Rea è poi sceso in particolari. “Le Superbike, e la Kawasaki non fa differenza, sono prodotte in grande numero e vengono sviluppate in modo da per adattarsi a gomme Pirelli di derivazione stradale” precisa il Cannibale.  “Le MotoGP sono prototipi che nascono per funzionare bene con gomme super speciali, è chiaro che non ci potrebbe mai essere competizione. Sarebbe come sfidare una F1 con un’auto che corre il Mondiale Turismo. MotoGP e Superbike sono mondi completamente diversi, soprattutto dal punto di vista tecnico”. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Gigi Dall'Igna

MotoGP, Gigi Dall’Igna: “Siamo stati bene con Andrea Dovizioso”

binder motogp

MotoGP, Brad Binder: “Chiedo scusa al team per i tanti errori”

MotoGP, Joan Mir campione del mondo 2020

MotoGP, Joan Mir: “Suzuki deve migliorare due settori”