Superbike, Jonathan Rea

Jonathan Rea, a Phillip Island correrà per beneficenza

Jonathan Rea riceve il premio Belfast Telegraph Sports Star of the Year. In occasione della cerimonia annuncia il suo atto d'amore verso l'Australia.

22 gennaio 2020 - 10:33

Jonathan Rea, cinque volte campione del mondo Superbike, è stato ancora una volta il grande vincitore dei ‘Belfast Telegraph Sports Awards’, vincendo il premio Sports Star of the Year per la terza volta consecutiva. Il 32enne bi Ballyclare è ora il pilota mondiale Superbike di maggior successo di tutti i tempi, superando Carl Fogarty, ma non ha nessuna intenzione di fermarsi. Anche nel 2020 partirà da favorito e punterà alla sestina vincente, in una sfida che si preannuncia storica contro le Ducati di Davies e Redding. In attesa di conoscere le prestazioni di Bautista in sella alla nuova Honda.

Partito verso Jerez dove oggi prendono il via i test Superbike, Jonathan Rea è apparso alla cerimonia di premiazione in collegamento video. “Sono onorato ed elettrizzato di aver vinto ancora una volta il premio Belfast Telegraph Sports Star of the Year e desidero ringraziare in particolare il pubblico che mi ha nominato. Per me significa tanto, soprattutto mentre mi preparo per il WorldSBK 2020″.

La prima tappa del calendario sarà a Phillip Island il 28 febbraio. Il fuoriclasse della Kawasaki ha annunciato che donerà i premi di gara  per combattere gli incendi che stanno mettendo a ferro e fuoco l’Australia. I suoceri di Rea vivono nel nord-est del Victoria, che è stato devastato dagli incendi nelle ultime settimane. “Come australiani, abbiamo vissuto con gli incendi estivi per tutta la vita“, ha detto sua moglie Tatia che ha fatto le veci del marito alla premiazione.

Stavolta però si è verificata un’autentica catastrofe ambientale. “Quest’anno è stata un’eccezione, qualcosa di molto più che un normale incendio. Mi sono resa conto per la prima volta della gravità della situazione quando la polizia ha bussato alla porta dei miei genitori chiedendo di evacuare. Fortunatamente per noi avevano un altro posto dove andare, nella nostra casa di famiglia a Phillip Island“. Gli incendi si sono fermati a una manciata di chilometri dall’abitazione dei suoceri di Jonathan Rea. Ma tante altre case e famiglie non hanno avuto la stessa fortuna. Per questo motivo il campione di Superbike donerà i premi in denaro al territorio australiano.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike,Marco Melandri

Superbike: Marco Melandri, la pazza idea del ritorno Mondiale con Ducati

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike: Alvaro Bautista in ritardo, che succede alla Honda?

Superbike Krummenacher MV Agusta

Superbike, MV Agusta: “Eravamo all’oscuro, agiremo per vie legali”