Cambio gomma obbligatorio nelle gare a Phillip Island?

Cambio gomma obbligatorio nelle gare Superbike a Phillip Island? Decideranno giovedi team e piloti convocati da Pirelli

19 febbraio 2019 - 10:19

Cambio gomma in vista nella Superbike a Phillip Island. Al momento è un’ipotesi, il dubbio verranno sciolti giovedi al termine di una riunione convocata dal fornitore unico Pirelli a cui parteciperanno piloti e team. Anche quest’anno le gomme sono un’emergenza sulla pista australiana e nelle due giornate di test, alcuni hanno lamentato problemi di blistering, cioè il distacco di parti del battistrada. La formula flag-to-flag, con cambio della posteriore obbligatorio a metà dei 22 giri previsti, eviterebbe problemi. Ma chi ha lavorato in funzione della distanza, magari rinunciando al giro veloce, avrà sicuramente qualcosa da dire…(qui cronaca e tempi dei test)

I precedenti

I fautori del cambio gomme evocheranno i problemi incontrati un anno fa, quando Yonny Hernandez volò via per il cedimento dello pneumatico posteriore. Jonathan Rea, a mezze parole, ha già fatto capire di essere in totale disaccordo su questa soluzione, La Kawasaki conta sul fatto che la Ducati e Alvaro Bautista in particolare incontrino problemi di aderenza nel finale di gara. Ma se Pirelli metterà sul piatto esigente di sicurezza, sarà difficile opporsi. In MotoGP accadde una cosa simile nel 2013, quando l’allora fornitore Bridgestone verificò che compiere i giri previsti  sarebbe stato pericoloso. Così venne imposto anche allora il cambio obbligatorio.  In un modo o nell’altro, sarà una decisione che farà discutere.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alvaro Bautista: “Imola è stato un campanello d’allarme”

Futuro Superbike: Dorna vs FIM, sta scoppiando la guerra?

Dorna lascia la Superbike? Presidente FIM “Ci stiamo lavorando”