FSBK: “Price cap” a 40.000 €, via libera alla Panigale V4 R

Innalzato a 40.000 euro il "price cap" delle moto ammesse al via del FSBK Championnat de France Superbike: adesso la Ducati Panigale V4 R può correre.

8 febbraio 2019 - 12:05

Nel FSBK (Championnat de France Superbike) da diversi anni vige un regolamento unico nel suo genere. Unicità della serie, fino al 2018 potevano competere solo le Superbike il cui modello di serie non superi il prezzo di listino di 26.000 euro. Una normativa che, di fatto, per anni ha tagliato fuori le versioni “R” delle varie Ducati Panigale (2 e 4 cilindri), ma che cambierà in vista della stagione 2019.

REGOLA DEL PRICE CAP

Il cosiddetto “price cap” tuttora non tiene conto del livello di preparazione della moto, bensì esclusivamente il prezzo di listino del modello di serie disponibile in concessionaria. Una normativa discussa a lungo, giustificata dalla Commission Nationale de Vitesse della FFM (la federmoto francese) per l’attenzione rivolta ad un campionato destinato (anche) ai cosiddetti “Amatori”. Tradotto: chi può permettersi il lusso di comprare una moto dal prezzo di listino superiore ai 26.000 euro, parte già avvantaggiato.

VIA LIBERA ALLA PANIGALE V4 R

Sarà, sta di fatto che la CNV per il 2019 ha compiuto un passo indietro. In base ad una circolare divulgata lo scorso 23 gennaio, il “price cap” è stato elevato da 26.000 agli attuali 40.000 euro. In sostanza, via libera alla nuova Ducati Panigale V4 R, il cui prezzo di listino comunicato è (per l’appunto…) di 39.900 euro. Una buona notizia per tutti i Ducatisti d’oltralpe a cominciare dal pluri-Campione nazionale David Muscat, nel recente passato costretto a correre nel FSBK con le 1098 e Panigale in versione S…

1 commento

mikif_8819787
19:38, 8 febbraio 2019

Non essendo ammessa la 1299 S da 26000e causa cilindrata, con che moto avrebbero corso nel 2018 se non con la R da ben oltre 30000e?

POTRESTI ESSERTI PERSO

ARRC ASB1000 Bend Qualifiche: Broc Parkes in pole

Rea, Haslam, Razgatlioglu con Kawasaki alla 8 ore di Suzuka 2019

MotoGP, Alex Rins rincorre il suo terzo sogno