ASBK Phillip Island: Aiden Wagner in pole, Troy Bayliss 5°

Troy Bayliss quinto in qualifica dopo la brutta caduta nelle seconde libere di Phillip Island, davanti a tutti con una R1 privata Aiden Wagner.

22 febbraio 2019 - 10:14

Trentasette piloti al via, un privato in pole position. Succede questo a Phillip Island, atto inaugurale dell’Australian Superbike 2019 in concomitanza con il Mondiale di categoria con Aiden Wagner, meteora del Mondiale Moto2 con trascorsi iridati in Supersport, autore del nuovo primato della pista per l’ASBK. Con una R1 preparata da Caboolture Yamaha, Wagner ha avuto ragione dei portacolori di Yamaha Australia Cru Halliday (2°) e Daniel Falzon (3°) mentre Troy Bayliss, caduto rovinosamente nelle seconde libere, ha siglato il quinto tempo.

BAYLISS CADE E SI RIALZA

Non è stata propriamente una giornata facile per il tre volte Campione del Mondo. Leader delle prime prove libere, al quinto giro di pista nel corso delle FP2 è incappato in una rovinosa caduta tra la curva Stoner e la 4, rimediando una botta al dito medio della mano sinistra. Demolita la sua 1299 Panigale FE “titolare”, con la seconda moto (prevista dal regolamento ASBK) ha preso parte alle qualifiche, limitando i danni con un quinto tempo che vale un posto in seconda fila per le tre gare in programma tra sabato e domenica.

OUTSIDER IN POLE

Prossimo a compiere 50 anni, Bayliss si attesta tra i legittimi pretendenti alla vittoria, incontrando tuttavia un Aiden Wagner scatenato. Tornato in madrepatria per rilanciare le proprie quotazioni di carriera dopo la parentesi mondiale in Supersport, il pilota australiano con una R1 privata è sceso in 3 distinte occasioni sotto il muro dell’1’33” siglando, con un rimarchevole 1’32″191, il nuovo primato dell’ASBK sul tracciato di Victoria. Un tempo di tutto rispetto, considerando la regolamentazione vigente e particolarmente restrittiva della serie, più vicina ad una Superstock che ad un’effettiva Superbike.

I PROTAGONISTI

Insieme ai piloti Y.R.T. Halliday e Falzon, Wagner è stato artefice di una prima fila tutta Yamaha a precedere le due Suzuki PTR di Josh Waters (4°) e Wayne Maxwell (6°). Settimo tempo per Mike Jones con una Kawasaki privata a scapito del Campione in carica Troy Herfoss (8°), completano la top-10 Glenn Allerton (con la “vecchia” BMW S1000RR di Next Gen Motorsports) e Bryan Staring (Kawasaki BCperformance)

Australian Superbike Championship 2019
Phillip Island
Classifica Qualifiche (Top 15)

01- Aiden Wagner – Caboolture Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’32.191
02- Cru Halliday – Yamaha Racing Team – Yamaha YZF R1 – 1’32.552
03- Daniel Falzon – Yamaha Racing Team – Yamaha YZF R1 – 1’32.572
04- Josh Waters – Team Suzuki ECSTAR Australia – Suzuki GSX-R 1000 – 1’32.624
05- Troy Bayliss – DesmoSport Ducati – Ducati 1299 Panigale FE – 1’32.759
06- Wayne Maxwell – Team Suzuki ECSTAR Australia – Suzuki GSX-R 1000 – 1’32.768
07- Mike Jones – K & R Hydraulics / Race Dynamics – Kawasaki ZX-10R – 1’32.806
08- Troy Herfoss – Penrite Honda Racing – Honda CBR 1000RR – 1’33.035
09- Glenn Allerton – Next Gen Motorsports – BMW S1000RR – 1’33.051
10- Bryan Staring – Kawasaki BCperformance – Kawasaki ZX-10RR – 1’33.260
11- Mark Chiodo – Penrite Honda Racing – Honda CBR 1000RR – 1’33.744
12- Ted Collins – Next Gen Motorsports – BMW S1000RR – 1’34.035
13- Matt Walters – Kawasaki Connection – Kawasaki ZX-10RR – 1’34.059
14- Max Croker – Mladin Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 1’34.485
15- Arthur Sissis – Hoey Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 1’35.027

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto2, Catalunya: Alex Márquez, tris di vittorie consecutive

Moto3, Catalunya: Primo trionfo per Marcos Ramírez, 3° Vietti

MotoGP: Chiarite le regole per la Long Lap Penalty