All Japan Superbike Motegi: Nakasuga apre il 2021 con una doppietta

A Motegi si è disputato il primo round dell'All Japan Superbike 2021 con Katsuyuki Nakasuga (Yamaha Factory Racing Team) vincitore di entrambe le gare a scapito di Ryuichi Kiyonari (Astemo Honda) e Kazuki Watanabe (Yoshimura Suzuki).

4 aprile 2021 - 14:46

Al Twin Ring Motegi si è aperta la stagione 2021 dell’All Japan Superbike e, contestualmente, la “Road to V10“, la caccia al decimo titolo JSB1000 in carriera di Katsuyuki Nakasuga. Il recordman della Superbike nipponica, 40 anni il prossimo 9 agosto, con Yamaha Factory Racing Team ha messo a segno una doppietta di buon auspicio, ma con differenti modalità nelle due gare.

WATANABE CON YOSHIMURA IN POLE

La giornata di sabato 3 aprile si è aperta con l’inaspettata pole position di Kazuki Watanabe. Wild card d’eccezione sotto le insegne di Yoshimura SERT Motul, reduce dai Test FIM EWC a Le Mans, la meteora del Mondiale Supersport ha avuto ragione in un sol colpo di Kiyonari e Nakasuga in uno schieramento ridotto all’osso con soli 17 partenti.

NAKASUGA IN GARA 1

La prima gara, tuttavia, sarà vissuta nel segno di Katsuyuki Nakasuga. Unico alfiere Yamaha Factory complice la promozione al Mondiale di categoria del Campione in carica Kohta Nozane, il 4 volte vincitore della 8 ore di Suzuka ha quasi giocato “al gatto col topo” nei confronti di Ryuichi Kiyonari. Unico portacolori del team Astemo Honda Dream SI Racing di Shinichi Itoh, “King Kiyo” ha condotto a lungo alla contesa davanti ad un Nakasuga parso decisamente in controllo totale. A 7 giri dal termine il 9 volte Campione JSB1000 ha rotto gli indugi, scappando via con disinvoltura come testimoniato dai 4 secondi di vantaggio all’esposizione della bandiera a scacchi.

A Kiyonari resta il secondo posto a precedere un Watanabe terzo in rimonta dopo una disastrosa partenza, seguito nell’ordine da un poker di CBR RR-R formato nell’ordine da Sodo Hamahara (Team Sakurai), Yudai Kamei (Honda Suzuka), Satoru Iwata (Team ATJ) e dall’eterno Kosuke Akiyoshi. Soltanto decimo Yukio Kagayama, mentre è stato costretto al ritiro per un problema tecnico il leggendario Akira Yanagawa. Da segnalare lo spaventoso botto al primo giro del vice-Campione ST1000 in carica Teppei Nagoe, con la sua Honda HARC-PRO finita oltre il guard-rail in uscita dalla curva 4.

CLASSIFICA GARA 1 JSB1000 MOTEGI

1- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZF R1 – 23 giri in 41’54.444

2- Ryuichi Kiyonari – Astemo Honda Dream SI Racing – Honda CBR 1000RR-R – + 4.074

3- Kazuki Watanabe – Yoshimura SERT Motul – Suzuki GSX-R 1000 – + 4.942

4- Sodo Hamahara – Honda Dream RT Sakurai Honda – Honda CBR 1000RR-R – + 26.893

5- Yudai Kamei – Honda Suzuka Racing Team – Honda CBR 1000RR-R – + 33.976

6- Satoru Iwata – Team ATJ – Honda CBR 1000RR-R – + 37.662

7- Kosuke Akiyoshi – Murayama TJC RT – Honda CBR 1000RR-R – + 37.703

8- Taro Sekiguchi – SANMEI Team Taro Plusone – BMW S1000RR – + 40.161

9- Yuta Kodama – Team Kodama – Yamaha YZF R1 – + 51.055

10- Yukio Kagayama – Team Kagayama – Suzuki GSX-R 1000 – + 53.902

11- Kazuma Tsuda – BabyFace Powered by Yoshimura – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’02.387

12- Shinichi Nakatomi – Waveinn-R – Yamaha YZF R1 – + 1’23.677

13- Isami Higashimura – Shinshu RP Team Nagano – BMW S1000RR – a 1 giro

14- Yoshiyuki Sugai – Team Sugai Racing Japan – Ducati Panigale V4 R – a 2 giri

BIS DI NAKASUGA IN GARA 2

A causa di qualche goccia di pioggia, Gara 2 ha rispecchiato tutto un altro copione. Con Kazuki Watanabe finalmente partito bene dalla pole, Katsuyuki Nakasuga in questa circostanza ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per centrare la doppietta e la personale 55^ vittoria nell’All Japan Superbike. Fortissimo, quasi insuperabile in staccata (specie nel discesone verso la 90° Corner…), l’alfiere Yoshimura ha risposto con le unghie e con i denti agli assalti del Re della JSB1000. Tesi ribadita da un contatto tra i due all’Hairpin al giro di boa della contesa, con Nakasuga fin troppo ottimista all’interno della GSX-R #14. Nel medesimo punto, due giri più tardi e sfruttando l’unica sbavatura di Watanabe, Nakasuga si è assicurato la leadership, con la vittoria maturata nel corso del penultimo giro in seguito ad un episodio controverso.

Ritrovatosi in testa, Nakasuga ha alzato il braccio, segnalando ai commissari l’intensificarsi della pioggia. Pensiero non condiviso da Watanabe, tanto da passare la Yamaha #7, salvo poi doversi arrendere all’esposizione della bandiera rossa con la classifica finale definita in base all’ordine dell’ultimo giro completato da tutti i piloti. Doppietta dunque per Nakasuga a precedere un deluso Watanabe ed un sorpreso Sodo Hamahara, terzo con Sakurai Honda, sfruttando le disavventure occorse ai restanti due piloti parte integrante del poker di testa. A 7 giri dal termine Ryuichi Kiyonari si era ritrovato costretto a rientrare ai box per un problema tecnico, sventura analoga occorsa alla quart’ultima tornata da un grintoso Yudai Kamei, fino a quel momento sensazionale terzo con Honda Suzuka. In tutto questo, beffa finale per il sempreverde Yukio Kagayama, con la Gixxer del proprio team arrivato ad un soffio dal terzo gradino del podio.

CLASSIFICA GARA 2 JSB1000 MOTEGI

1- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZF R1 – 20 giri in 36’43.183

2- Kazuki Watanabe – Yoshimura SERT Motul – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.720

3- Sodo Hamahara – Honda Dream RT Sakurai Honda – Honda CBR 1000RR-R – + 14.401

4- Yukio Kagayama – Team Kagayama – Suzuki GSX-R 1000 – + 14.732

5- Kazuma Tsuda – BabyFace Powered by Yoshimura – Suzuki GSX-R 1000 – + 32.542

6- Kosuke Akiyoshi – Murayama TJC RT – Honda CBR 1000RR-R – + 33.954

7- Teppei Nagoe – MuSASHi RT HARC-PRO Honda – Honda CBR 1000RR-R – + 38.334

8- Yuta Kodama – Team Kodama – Yamaha YZF R1 – + 38.830

9- Akira Yanagawa – will-raise racing RS-ITOH – Kawasaki ZX-10RR – + 51.181

10- Shinichi Nakatomi – Waveinn-R – Yamaha YZF R1 – + 1’04.304

11- Taro Sekiguchi – SANMEI Team Taro Plusone – BMW S1000RR – + 1’20.580

12- Isami Higashimura – Shinshu RP Team Nagano – BMW S1000RR – a 1 giro

13- Ken Eguchi – RankUp Aprilia Eguken Garage – Aprilia RSV4 – a 1 giro

14- Yoshiyuki Sugai – Team Sugai Racing Japan – Ducati Panigale V4 R – a 1 giro

15- Yudai Kamei – Honda Suzuka Racing Team – Honda CBR 1000RR-R – a 1 giro

PROSSIMO APPUNTAMENTO

Per l’All Japan Superbike prossimo appuntamento il 24-25 aprile con la 2&4 Race di Suzuka, tradizionale round in abbinamento con la Super Formula nonché gara di qualificazione per la leggendaria 8 ore del prossimo 7 novembre.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

david alonso red bull rookies cup

Red Bull Rookies Cup: Doppietta di David Alonso nel primo evento a Portimao

Superbike, Loris Baz

Superbike: Loris Baz farà l’amerikano per riconquistarsi il Mondiale

fim cev repsol

CEV 2021, ufficializzate le entry list: 7 italiani in Moto3, due in Moto2