dakar 2022

Dakar: tre continenti e due vincitori italiani, le top 3 dal 1979 ad oggi

Verso l'edizione 2022 della mitica Dakar. Una lunga storia iniziata nel 1979 in Africa, con varie gioie tricolori. Tutti i vincitori fino ai giorni nostri.

25 dicembre 2021 - 17:42

Il prossimo primo gennaio scatta la Dakar 2022, 44^ edizione del Rally Raid più famoso del mondo. Al via tanti piloti in lotta per le zone alte della classifica, più esordienti (come Danilo Petrucci) e Leggende (come Franco Picco), senza dimenticare i partenti in Original by Motul (senza assistenza). Per il terzo anno consecutivo sarà il deserto dell’Arabia Saudita ad ospitare questa competizione, dopo il ‘periodo’ Sudamericano e le sue origini in Africa. Continente che ha portato grandi gioie all’Italia delle due ruote, con svariate vittorie ed altri podi per i nostri portacolori. Rivediamo i podi di questa competizione nel corso degli anni.

In Africa: 1979-2007

Nel 1979 la nascita dell’allora Parigi-Dakar, per la partenza nella capitale francese per poi concludersi nella principale città del Senegal, da un’idea del pilota francese Thierry Sabine. E sono proprio transalpini i primi vincitori, anzi proprio i primi podi di questa neonata competizione, finché non cominciano a farsi vedere anche rappresentanti di altre nazioni. Come accennato inizialmente, abbiamo anche noi dei nomi da ricordare: nello specifico Edi Orioli con ben quattro Dakar vinte, ma anche Fabrizio Meoni, l’ultimo re italiano di questa competizione con due successi. Senza certo dimenticare Franco Picco, che nella Dakar africana si è preso tre piazzamenti sul podio finale, più Andrea Balestrieri, Ciro De Petri e Giovanni Sala con un podio a testa.

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

Anni ’80

1979: Cyril Neveu (Francia), Yamaha – Gilles Comte (Francia), Yamaha – Philippe Vassard (Francia), Honda
1980: Cyril Neveu (Francia), Yamaha – Michel MEREL (Francia), Yamaha – Jean-Noel Pineau (Francia), Yamaha
1981: Hubert Auriol (Francia), BMW – Serge Bacou (Francia), Yamaha – Michel Merel (Francia), Yamaha
1982: Cyril Neveu (Francia), Honda – Philippe Vassard (Francia), Honda – Gregoire Verhaegue (Francia), Barigo
1983: Hubert Auriol (Francia), BMW – Patrick Drobecq (Francia), Honda – Marc Joineau (Francia), Suzuki
1984: Gaston Rahier (Belgio), BMW – Hubert Auriol (Francia), BMW – Philippe Vassard (Francia), Honda
1985: Gaston Rahier (Belgio), BMW – Jean-Claude Oliver (Francia), Yamaha – Franco Picco (Italia), Yamaha
1986: Cyril Neveu (Francia), Honda – Gilles Lalay (Francia), Honda – Andrea Balestrieri (Italia), Honda
1987: Cyril Neveu (Francia), Honda – Edi Orioli (Italia), Honda – Gaston Rahier (Belgio), BMW
1988: Edi Orioli (Italia), HondaFranco Picco (Italia), Yamaha – Gilles Lalay (Francia), Honda
1989: Gilles Lalay (Francia), Honda – Franco Picco (Italia), Yamaha – Marc Morales (Francia), Honda

Anni ’90 

1990: Edi Orioli (Italia), Cagiva – Carlos Mas (Spagna), Yamaha – Ciro De Petri (Italia), Cagiva
1991: Stephane Peterhansel (Francia), Yamaha – Gilles Lalay (Francia), Yamaha – Thierry Magnaldi (Francia), Yamaha
1992: Stephane Peterhansel (Francia), Yamaha – Danny Laporte (USA), Cagiva – Jordi Arcarons (Spagna), Cagiva
1993 Stephane Peterhansel (Francia), Yamaha – Thierry Charbonnier (Francia), Yamaha – Jordi Arcarons (Spagna), Yamaha
1994: Edi Orioli (Italia), Cagiva – Jordi Arcarons (Spagna), Cagiva – Fabrizio Meoni (Italia), Honda
1995: Stephane Peterhansel (Francia), Yamaha – Jordi Arcarons (Spagna), Cagiva – Edi Orioli (Italia), Cagiva
1996: Edi Orioli (Italia), Yamaha – Jordi Arcarons (Spagna), KTM – Carlos Sotelo (Spagna), KTM
1997: Stephane Peterhansel (Francia), Yamaha – Oscar Gallardo (Spagna), Cagiva – David Castera (Francia), Yamaha
1998: Stephane Peterhansel (Francia), Yamaha – Fabrizio Meoni (Italia), KTM – Andy Haydon (Australia), KTM
1999: Richard Sainct (Francia), BMW – Thierry Magnaldi (Francia), KTM – Alfie Cox (Repubblica Sudafricana), KTM

Anni 2000

2000: Richard Sainct (Francia), BMW – Oscar Gallardo (Spagna), BMW – Jimmy Lewis (USA), BMW
2001: Fabrizio Meoni (Italia), KTM – Jordi Arcarons (Spagna), KTM – Carlo De Gavardo (Cile), KTM
2002: Fabrizio Meoni (Italia), KTM – Alfie Cox (Repubblica Sudafricana), KTM – Richard Sainct (Francia), KTM
2003: Richard Sainct (Francia), KTM – Cyril Despres (Francia), KTM – Fabrizio Meoni (Italia), KTM
2004: Nani Roma (Spagna), KTM – Richard Sainct (Francia), KTM – Cyril Despres (Francia), KTM
2005: Cyril Despres (Francia), KTM – Marc Coma (Spagna), KTM – Alfie Cox (Repubblica Sudafricana), KTM
2006: Marc Coma (Spagna), KTM – Cyril Despres (Franca), KTM – Giovanni Sala (Italia), KTM
2007: Cyril Despres (Francia), KTM – David Casteu (Francia), KTM – Chris Blais (USA), KTM
2008: Dakar cancellata per minacce di attentati

In America Latina: 2009-2019

Dopo l’ultima edizione cancellata, ecco la scelta di cambiare continente, spostandosi nel Sudamerica. Un assolo firmato KTM: come si può notare in seguito, i vincitori sono esclusivamente della casa austriaca, che a volte ha addirittura monopolizzato tutto il podio. Da notare una piccola nota tricolore, ovvero una Aprilia sul terzo gradino del podio assoluto. Ecco tutti i nomi.

2009: Marc Coma (Spagna), KTM – Cyril Despres (Francia), KTM – David Fretigne (Francia), Yamaha
2010: Cyril Despres (Francia), KTM – Pal Anders Ullevalseter (Norvegia), KTM – Francisco Lopez (Cile), Aprilia
2011: Marc Coma (Spagna), KTM – Cyril Despres (Francia), KTM – Helder Rodrigues (Portogallo), Yamaha
2012: Cyril Despres (Francia), KTM – Marc Coma (Spagna), KTM – Helder Rodrigues (Portogallo), Yamaha

2013: Cyril Despres (Francia), KTM – Ruben Faria (Portogallo), KTM – Francisco Lopez (Cile), KTM
2014: Marc Coma (Spagna), KTM – Jordi Viladoms (Spagna), KTM – Olivier Pain (Francia), Yamaha
2015: Marc Coma (Spagna), KTM – Paulo Gonçalves (Portogallo), Honda – Toby Price (Australia), KTM
2016: Toby Price (Australia), KTM – Stefan Svitko (Slovacchia), KTM – Pablo Quintanilla (Cile), Husqvarna

2017: Sam Sunderland (Gran Bretagna), KTM – Matthias Walkner (Austria), KTM – Gerard Farres (Spagna), KTM
2018: Matthias Walkner (Austria), KTM – Kevin Benavides (Argentina), Honda – Toby Price (Australia), KTM
2019: Toby Price (Australia), KTM – Matthias Walkner (Austria), KTM – Sam Sunderland (Gran Bretagna), KTM

In Arabia Saudita: 2020-in corso

Chiaramente al momento sono solo due le competizioni nel deserto arabico, visto che la Dakar si è spostata lì nel 2020. Con i primi due vincitori dal Nuovo Continente, visto che parliamo del primo statunitense e del primo argentino in trionfo in questa mitica competizione. Un doppio successo da parte di piloti Honda, che KTM in primis cercherà di interrompere, riprendendo il filo di una sequenza che, come detto in precedenza, li ha visti vincenti dal 2001 al 2019.

2020: Ricky Brabec (USA), Honda – Pablo Quintanilla (Cile), Husqvarna – Toby Price (Australia), KTM
2021: Kevin Benavides (Argentina), Honda – Ricky Brabec (USA), Honda – Sam Sunderland (Gran Bretagna), KTM

Foto: A.S.O./Horacio Cabilla

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci KTM Dakar

Il consiglio di Danilo Petrucci: “Piloti MotoGP, provate la Dakar!”

Danilo Petrucci

Danilo Petrucci: “Figa la Dakar, posso andare in pensione sereno”

fantic picco dakar

Dakar 2022: Fantic e Franco Picco, che impresa per il binomio azzurro