joaquim rodrigues dakar

Dakar, tappa 3: la prima festa per Joaquim Rodrigues e Hero

Emozionante prima vittoria di tappa per Joaquim Rodrigues, che si impone oggi su Price ed il sorprendente rookie Klein. Ecco com'è andata.

4 gennaio 2022 - 10:22

La vittoria sembrava ormai saldamente nelle mani di Sanders, ma nel tratto finale ecco Joaquim Rodrigues. È così che per l’esperto pilota portoghese (cinque Dakar alle spalle, due abbandoni) arriva la sua prima vittoria in questo Rally Raid, portandola anche a Hero. C’è un che di emozionante in questa vittoria: Rodrigues è cognato del compianto Paulo Gonçalves, scomparso durante l’edizione 2020, che stava disputando proprio coi colori di questa squadra… “Adesso, ogni volta che salgo in sella, Paulo è con me” ha ribadito più volte il neo vincitore di tappa. Seconda piazza per la KTM di Toby Price, continua a sorprendere il rookie Mason Klein, oggi 3°! Ecco com’è andata.

Percorso e protagonisti

Rispetto al programma originario la tappa è cambiata, diventando un percorso in tondo da Al Qaisumah e ritorno. Oltre ad essere diventato il secondo tratto più corto di questa Dakar, con 255 km di speciale caratterizzati da sabbia e dune tra un collegamento di 214 km ed un altro di 166 km. Una volta di più il primo non è propriamente tra i favoriti: in questo caso Joan Barreda, vincitore della tappa 2, inizia fin da subito a perdere terreno rispetto a chi lo segue. Si rivede invece Daniel Sanders, molto attardato ieri da apripista ed oggi determinato a recuperare sensibilmente terreno. Stesso discorso per il rookie Mason Klein, che si sta facendo vedere nuovamente nelle zone alte della classifica.

Attenzione, tra gli altri, anche a Skyler Howes, Joaquim Rodrigues e Toby Price, che nella seconda parte riescono a ricucire sensibilmente il distacco dall’alfiere GasGas, a caccia del sorpasso in questa tappa dai distacchi piuttosto ridotti. Un appunto riguardante gli italiani: nonostante le speranze non è ancora ripartito Leonardo Tonelli, piuttosto arrabbiato ed amareggiato per i problemi organizzativi incontrati in questa sua prima Dakar. Dopo il KO meccanico nella prima tappa, la moto gli è stata riportata solo stamattina… È di nuovo in azione invece Danilo Petrucci, ormai fuori classifica ma sempre galvanizzato, assieme a tutti gli altri nostri ragazzi.

Tornando alla classifica, oggi è festa Hero grazie a Joaquim Rodrigues. Il pilota portoghese si prende così una bella prima vittoria in questo terzo stage del 2022 in Arabia Saudita. Secondo è l’alfiere KTM Toby Price, come detto anche lui risalito nella seconda parte del tratto odierno ed a circa un minuto dal vincitore. Ma in terza piazza c’è un rookie, Mason Klein, che scalza proprio il suo mentore Skyler Howes e mette a referto la sua miglior posizione in questa sua prima Dakar. Ricordiamo la sua tappa 1 chiusa in quarta piazza, attenzione a questo giovanissimo statunitense… Sorprende invece Sanders, a lungo al comando e poi solo 5° per essersi fermato a mangiare un boccone!

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

La top ten di tappa

1. Joaquim Rodrigues (PRT) – Hero MotoSports Team – 2:34:41
2. Toby Price (AUS) – Red Bull KTM Factory Racing – +1:03
3. Mason Klein – BAS Dakar KTM Racing Team – +1:14
4. Skyler Howes (USA) – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing – +1:26
5. Daniel Sanders (AUS) – GasGas Factory Racing – +2:55
6. Andrew Short (USA) – Monster Energy Yamaha Rally Team – +3:36
7. Ricky Brabec (USA) – Monster Energy Honda Team – +4:18
8. Kevin Benavides (ARG) – Red Bull KTM Factory Racing – +4:28
9. Adrien Van Beveren (FRA) – Monster Energy Yamaha Rally Team – +4:43
10. Matthias Walkner (AUS) – Red Bull KTM Factory Racing – +4:52

La classifica completa provvisoria

Foto: Instagram-Joaquim Rodrigues

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci

Danilo Petrucci: “Figa la Dakar, posso andare in pensione sereno”

fantic picco dakar

Dakar 2022: Fantic e Franco Picco, che impresa per il binomio azzurro

Danilo Petrucci Dakar

Danilo Petrucci saluta la Dakar: “Non cercatemi, non ci sono per nessuno”