Joan Lascorz Dakar

Dakar, Joan Lascorz e la sfida Side-by-Side nell’edizione 2022

Joan Lascorz pronto per il sogno Dakar, che disputerà nel 2022 in Side-by-Side. È il primo pilota tetraplegico a lanciarsi in quest'avventura.

30 novembre 2021 - 18:17

Un ex pilota Superbike si lancia nell’avventura Side-by-Side nel prossimo Rally Raid Dakar. Il protagonista è Joan Lascorz, che conosciamo bene per il grave incidente capitatogli nel 2012 a Imola, che l’ha lasciato tetraplegico. Sarà il primo pilota con queste problematiche fisiche a partecipare al prestigioso evento, alla sua 44^ edizione a partire dal 1° gennaio 2022. Chiaramente guiderà un UTV [utility terrain vehicle] adattato alle sue esigenze, con un’assistenza tecnica garantita dal Buggy Masters Team e con il numero #447. Il suo copilota sarà l’esperto Miguel Puertas, con 11 Dakar disputate in carriera (nove di queste concluse).

Un sogno che lo spagnolo classe 1985 coltivava da tempo. Anzi, l’obiettivo era approdare al mitico Rally Raid già nel 2020. È servito un po’ di tempo in più per permettergli un’adeguata preparazione, ma anche per raccogliere i fondi necessari. Dal 10 dicembre aprirà una nuova raccolta fondi, via Verkami, per aiutare a pagare parte dell’iscrizione. Ricordiamo che, oltre ad essere commentatore TV, dal 2014 ha intrapreso la carriera a quattro ruote e con successo. Nel 2016 è arrivato il titolo di Campione Spagnolo Rally TT nella categoria Buggy SSV, non dimentichiamo anche gli svariati podi su neve e ghiaccio ottenuti in questo 2021 in GSeries Andorra. Quest’anno poi ha occupato il ruolo di consulente per Ana Carrasco, pilota Supersport 300 ed iridata 2018.

Ora è il momento della sua bella sfida, con anche uno scopo: lo sviluppo di nuove tecnologie per veicoli speciali attraverso 17Foundation, nata dopo il suo grave incidente. “Non vediamo l’ora di cominciare” ha dichiarato Lascorz. “È un’avventura che ho cercato per parecchi anni! Abbiamo il materiale, è tutto pronto, sto aspettando solo la data.” Non mancano anche svariati ringraziamenti verso chi l’ha aiutato a raggiungere questo traguardo. “Ringrazio tutte le persone che hanno creduto in questo progetto e reso possibile la Dakar. Gli sponsor, la squadra, il KOA Center per la preparazione e tutti quelli che si sono poi uniti al programma via Verkami. Faremo del nostro meglio per tutti.”

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci

Danilo Petrucci: “Figa la Dakar, posso andare in pensione sereno”

fantic picco dakar

Dakar 2022: Fantic e Franco Picco, che impresa per il binomio azzurro

Danilo Petrucci Dakar

Danilo Petrucci saluta la Dakar: “Non cercatemi, non ci sono per nessuno”