Dakar 2021, ecco il percorso: 12 tappe e 4700 km di speciale

Presentato in questi giorni il percorso della Dakar 2021. Dal 3 al 15 gennaio i motociclisti disputeranno 12 tappe: vediamone le caratteristiche.

26 novembre 2020 - 17:56

Ci avviciniamo sempre più all’edizione 2021 del Rally Raid Dakar, l’evento più famoso e pericoloso del mondo. Ora conosciamo il percorso che tutti i motociclisti dovranno affrontare dal 3 al 15 gennaio prossimi, per il secondo anno nel deserto dell’Arabia Saudita. Dopo un ‘prologo’ di 11 km da disputare il 2 gennaio 2021, si entra nel vivo. Previste dodici tappe da percorrere, si comincia e si finisce a Jeddah, per un totale di 7646 km e 4767 di speciale, ovvero cronometrati e validi per la classifica. Un’edizione che prevede, tra le novità, un nuovo protocollo anti-Covid e l’airbag obbligatorio.

Come detto, si comincia il 2 gennaio con un prologo di 11 km, che determinerà l’ordine di partenza della prima tappa in base ai tempi realizzati. Partenza e ritorno a Jeddah, avrà luogo su un percorso sabbioso a 30km dal King Abdullah Sport City. Possiamo chiamarlo, oltre ad essere importante per la partenza, anche un primo assaggio, un’occasione per tutti i piloti al via per scaldare i motori. Il 3 gennaio invece si comincerà a fare sul serio, scatta ufficialmente la Dakar 2021 con la prima tappa in programma. Saranno 662 km per le moto, 277 di speciale, con partenza a Jeddah e arrivo a Bisha. I piloti incontreranno vallate e numerosi incroci, oltre ad alcuni tratti rocciosi a cui prestare molta attenzione.

Il 4 gennaio avremo la seconda tappa, si scatta a Bisha per arrivare a Wadi Ad-Dawasir. Parliamo di 685 km in totale, 457 di speciale: ecco che troviamo le prime importanti dune, oltre ad un lungo percorso fuori pista, per finire con un tratto sabbioso. Terza tappa, siamo al 5 gennaio: partenza ed arrivo a Wadi ad-Dawasir, con 630 km totali ed una speciale di 403 km. Ci troviamo nel Quartiere Vuoto, vale a dire il deserto del Rub’ al-Khālī, che farà da cornice ad una speciale piuttosto tecnica e veloce. La prima occasione, per chi volesse, per tentare uno strappo sugli avversari in classifica. Il 6 gennaio ci sarà la quarta tappa, la più lunga di questa edizione della Dakar: si corre da Wadi ad-Dawasir a Riyadh, 813 km in totale e 337 di speciale. Un giorno ‘di transizione’, ma certo da non prendere alla leggera.

Segue la quinta tappa, che scatta a Riyadh per finire a Al Qaisumah. Saranno 662 km in totale, 456 di speciale, un lungo percorso che incontrerà anche un difficile tratto tra le dune, portando ad un abbassamento della velocità media. La sesta tappa comincerà a Al Qaisumah, bandiera a scacchi a Ha’il: 655 km in totale, 485 km di speciale da percorrere. Una tappa disseminata di dune, una bella prova anche per i migliori, che precede la giornata di riposo. Il 10 gennaio si riparte con la 7^ tappa da Ha’il per chiudere a Sakaka, con 737 km in totale e 471 di speciale. Ecco la tappa marathon, con una dura sequenza di dune e 100 km di pura corsa, in cui non è permesso alcun aiuto esterno:i piloti dovranno cavarsela da soli.

Ottava tappa che scatta a Sakaka e finisce a Neom, per un totale di 709 km e 375 di speciale. Questa è nientemeno che la seconda parte della tappa marathon, dagli splendidi paesaggi, ma soprattutto un ‘premio’ per chi è stato più cauto il giorno prima. Segue la nona tappa, che inizia e si chiude a Neom: 579 km in totale, 465 km di speciale. Una partenza sul Mar Rosso che porta ad un tratto veloce e sabbioso, potrebbe rivelarsi uno dei percorsi più difficili dell’intera competizione. Tappa numero 10 che prenderà il via da Neom, per concludersi a Al-Ula: 583 km in totale, dei quali 342 di speciale, un percorso attraverso le vallate.

Arriviamo alla penultima tappa della Dakar, la numero 11, che scatta a Al-Ula per finire a Yanbu, con 557 km e ben 511 di speciale. Si tratta nientemeno che del tratto cronometrato più lungo dell’intera competizione. Una vera e propria prova di forza, con 100 km ricchi di dune che possono rivelarsi determinanti per la classifica finale. Ci troviamo così al 15 gennaio, giornata in cui avremo la 12^ ed ultima tappa. Si comincia a Yanbu, per ritornare al luogo di partenza di 12 giorni prima, Jeddah. Previsti 452 km in totale, 225 di speciale, un percorso insidioso che porta alla celebrazione finale sulla costa del Mar Rosso.

Foto: A.S.O./Horacio Cabilla 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

sanz gerini checa dakar

Dakar, motociclisti in auto: l’avventura di Sanz-Gerini e Carlos Checa

ragazze veloci dakar 2022

Dakar “in rosa”, ecco chi sono le ragazze veloci dell’edizione 2022

Joan Lascorz Dakar

Dakar, Joan Lascorz e la sfida Side-by-Side nell’edizione 2022