dakar

Dakar, le regole della ‘bolla’ per dare il via all’edizione 2021

La Dakar 2021 presenterà una difficoltà in più: un rigido protocollo per scongiurare contagi da Covid-19 e garantire lo svolgimento della competizione.

2 novembre 2020 - 16:45

La pandemia da Covid-19 sta chiaramente rivoluzionando tutte le nostre vite, il mondo del lavoro, le competizioni sportive. Non è certo immune il Rally Raid Dakar, la competizione più famosa e pericolosa del mondo: la 43^ edizione avrà luogo dal 3 al 15 gennaio 2021, ma è necessario organizzarla in sicurezza. Con questo scopo la ASO (Amaury Sport Organisation) ha pubblicato un rigido protocollo di regole da seguire per garantirne il regolare svolgimento senza conseguenze di tipo sanitario.

Misure che vanno dai test ben prima di partire al divieto assoluto di contatti con le persone del posto. In sostanza, si vuole creare una ‘bolla’, come sta succedendo sempre più frequentemente in altri sport. Saranno circa 2400 le persone al seguito per questo evento, tutte costantemente controllate, con l’obbligo di mascherina e la giusta distanza tra ‘team’. Regole che potranno subire cambiamenti a seconda dell’evoluzione della situazione, ma che dovranno essere sempre seguite alla lettera. Al mancato rispetto può seguire un ammonimento, ma se recidivi può portare anche all’esclusione dalla competizione.

I test in questo senso devono cominciare due settimane prima di mettersi in viaggio per l’Arabia Saudita. Obbligatorio anche vaccinarsi contro l’influenza, per evitare fraintendimenti. Raccomandata precauzione durante le feste di Natale e fine anno. In quel periodo verranno svolti i PCR più importanti, sette giorni e due giorni prima del via della Dakar. Tutti i partecipanti riceveranno un kit sanitario con il necessario, ma ci sarà anche un laboratorio mobile che seguirà la carovana. Un modo per effettuare tempestivamente controlli e porre immediatamente in isolamento in caso compaiano certi sintomi.

La ‘bolla’ sarà ben lontana dalla popolazione del luogo. Tutti dovranno rimanervi costantemente all’interno, usando se possibile tende singole per il pernottamento. Limitati tutti i movimenti dei partecipanti, così come i contatti sociali, per correre meno rischi possibili. Regole ferree per garantire appunto lo svolgimento in sicurezza di una competizione già di per sé così complessa come la Dakar. L’edizione 2021 necessiterà quindi uno sforzo ancora maggiore da parte di tutti.

Foto: ASO/DPPI/E.Vargiolu

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dakar, presentata l’edizione 2021. Date, percorso e novità

dakar 2020

Dakar, David Castera: “L’edizione 2021 si farà, ma con misure speciali”

dakar 2020

Dakar, “una pioggia di idee” per migliorare la sicurezza dei piloti