Ana Mayrata, mamma di Joan Mir

MotoGP, Joan Mir e il “problema” di mamma Ana Mayrata

La mamma di Joan Mir, Ana Mayrata, è un ciclome mediatico dopo la vittoria del titolo MotoGP di suo figlio: "Per tutta la vita ho avuto questo problema".

21 novembre 2020 - 10:00

In una stagione MotoGP senza umbrella girls a calamitare l’attenzione dei fan ci ha pensato Ana Mayrata, mamma di Joan Mir. L’abbraccio con suo figlio a Valencia, dopo la proclamazione a campione del mondo, ha portato tanta fortuna ad entrambi. Infatti i social sono impazziti per Ana di professione stilista, arredatrice e blogger. Ha supportato Joan Mir in tutti questi anni e ora ha anche visto realizzare il suo sogno di vedere suo figlio raggiungere il titolo più importante della sua carriera. Una madre che non passa certo inosservata, visto che è assistente di produzione, stilista per programmi televisivi e stile di vita per hotel, insegnante di yoga e ha partecipato a numerose campagne pubblicitarie.

Per giorni anche i siti motoristici hanno riempito il web con articoli e gallery della mamma di Joan Mir. Al termine delle prove libere a Portimao un giornalista gli ha fatto una domanda su sua madre e il pilota Suzuki ha risposto con la sua solita umiltà: “Per tutta la vita ho avuto questo problema, con tutti i miei amici, sempre con le battute. È così. Speravo che negli anni sarebbe cambiato un po’, ma no. Non sono preoccupato. Penso che sia un bene che mia madre sia carina. Ora capisci perché anche io sono bello“.

L’exploit mediatico dopo il trionfo

L’unico tatuaggio che il pilota ha sulla sua pelle è dedicato a sua madre, il cui messaggio di congratulazioni a suo figlio su Instagram ha affascinato tutti. “Più lotti per i tuoi sogni, più sarai vicino a realizzarli. Un codice con cui ti sei forgiato per tutta la vita e che ora assume il suo significato più grande. Sono sempre stata convinta che tu porti dentro di te tutto ciò di cui hai bisogno per essere felice e costruire una vita di successo… e non posso fare a meno di emozionarmi quando vedi il tuo sogno tanto atteso diventare realtà. Da madre, vedere lo scintillio nei tuoi occhi e quel sorriso gigante riempie di significato tutti quei momenti di assenza e con esso la disconnessione, i disaccordi e la preoccupazione… Te lo meriti Jony, sei un ‘essere’ molto speciale“.

Nei giorni successivi alla conquista del titolo MotoGP di Joan, la stampa spagnola ha interpellato Ana Mayrata sul ciclone mediatico che l’ha investita. “L’ho notato, ma non mi devo preoccupare, sono un adulto, e che si parli della mia bellezza mi lusinga ma niente di più. Sono preoccupata che mio figlio abbia le basi per essere emotivamente forte e continuare a prendere le decisioni giuste. Nello sport so che è saggio, sa cosa deve fare per raggiungere il suo potenziale. Ho paura che a 23 anni si circondi di persone sbagliate in un mondo pieno di tentazioni“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Herve Poncharal

Hervé Poncharal: “Tech3 in MotoGP fino al 2026”

binder motogp

MotoGP, fratelli vincenti: dai Milani ai Binder, tutti i vincitori di GP

MotoGé, Franco Morbidelli pilota Yamaha Petronas

MotoGP, Franco Morbidelli: una Yamaha factory? No, grazie