MotoGP: Andrea Iannone, sequestrata la Bentley da 400 mila euro

La Guardia di Finanza e i funzionari della dogana sono intervenuti a fine novembre, l'auto con targa svizzera non poteva circolare nella Comunità Europea

27 dicembre 2018 - 16:57

Il 2018 non è stata un’annata troppo felice per Andrea Iannone e il finale è anche peggio. L’agenzia ANSA riferisce che a fine novembre i funzionari della Dogana di Como hanno sequestrato l’auto del pilota abruzzese, una lussuosa Bentley da 400 mila euro. Il provvedimento è scattato a Brogeda, il valico di confine con la Svizzera. Andrea Iannone vive da tempo a Lugano.

Motivo del sequestro è la violazione della convenzione di Istanbul. La Bentley con targa svizzera poteva circolare nella Comunità Europea senza assolvere formalità doganali per soli sei mesi, anche non consecutivi. Inoltre, per poter circolare, a bordo ci doveva essere obbligatoriamente il proprietario o un parente fino al terzo grado. Al volante dell’auto nella circostanza c’era il preparatore atletico Stefano Palasca. Contro il sequestro del mezzo Andrea Iannone ha formalizzato ricorso.

3 commenti

eugsac
12:12, 30 dicembre 2018

Furbetti che per evitare di pagare le tasse le studiano tutte, salvo fare queste figure…

Katana05
8:12, 30 dicembre 2018

Tanto non è più disonesto dei suoi degni colleghi, magari solo un pò meno furbo…

fabu
11:12, 28 dicembre 2018

ma ricorso de che? riporta la residenza in Italia, paga le tasse e non ti sequestrano la macchina.

POTRESTI ESSERTI PERSO

Casey Stoner ritorna in pista… a Melbourne

Jorge Lorenzo cambia casa: nuova dimora sul lago di Lugano

MotoGP, Andrea Iannone chiude col botto in Qatar