Giacomo Agostini: “No alla ghigliottina per Romano Fenati”

Giacomo Agostini: “No alla ghigliottina per Romano Fenati”

Intervista esclusiva a Giacomo Agostini: il caso Romano Fenati, la marcia trionfale di Marc Marquez, il sogno impossibile del 10° titolo di Valentino Rossi, il rischio di Andrea Iannone

di Luigi Ciamburro
Giacomo Agostini

Giacomo Agostini non è un personaggio che necessita di presentazioni, a parlare sono i suoi 15 titoli mondiali che fanno di lui il pilota più titolato nella storia del Motomondiale. Difficile per chiunque superare questa barriera numerica, ma forse Marc Marquez, arrivato a quota sei e con il settimo titolo quasi in tasca, potrebbe riuscirsi se prosegue di questo passo, anche se non è ancora a metà dell’opera. Giacomo Agostini è una presenza fissa nel paddock oltre che commentatore dei Gran Premi su TV8, un personaggio sempre aperto e disponibile a scambiare opinioni e mettere al servizio di tutti la sua immensa esperienza.

Caso Fenati. La FIM ha deciso di graziare Romano. Cosa ne pensa di questa decisione?

Io avrei dato la squalifica fino a fine anno perché ha fatto un gesto troppo plateale, però la ghigliottina, come qualcuno vorrebbe, non gliela voglio dare. Questo fatto è nato dal fatto che loro già stavano litigando durante la gara, quindi forse lui non è riuscito a trattenersi come doveva e ha fatto quel gesto davanti a tutto il mondo. In fondo potevano farsi male ed è giusto penalizzare. Ma quando si spingono o si toccano in curva possono farsi male anche lì, però il fatto di tirare il freno ha colpito più che altro per la scena. Io darei una penalizzazione e finisce la storia.

La FMI ha deciso di sospendere la licenza, la FIM ha confermato solo la penalizzazione. Pare ci sia una contraddizione di fondo?

Non so come spiegarla, ognuno può decidere a suo modo. Io concordo nel dargli una squalifica in queste ultime sei gare. L’anno prossimo gli permetterei di correre. I due ragazzi si erano già innervositi durante i giri precedenti. Ripeto, non si fanno certe cose, ma non sono d’accordo a dargli la ghigliottina.

Marc Marquez si avvia verso il settimo titolo iridato. Chi può fermare la sua marcia trionfale?

Per il momento è molto difficile. Per il momento lui è il più forte, non bisogna inventarsi altre cose. Lui è predestinato. Poi può darsi che lo sviluppo del motore 2019 non viene indovinato… Il pilota è importantissimo ma bisogna vedere anche la moto. Se un progetto viene sbagliato basta poco per mettere un pilota in difficoltà. Ma se non succede nulla e vanno tutti sullo stesso piano Marquez è a un piano rialzato.

Quanto tempo impiegherà Jorge Lorenzo per adattarsi alla Honda?

Se ci mette altri due anni siamo rovinati (ride, ndr).

Valentino riuscirà a conquistare il decimo titolo?

E’ dura, lo sa anche lui. Magari la Yamaha fa la moto migliore di tutti e Valentino può vincere. Ma se va avanti senza miracoli e come deve andare, senza sfortuna, è difficile battere Marquez.

Dal prossimo anno Andrea Iannone sarà in sella all’Aprilia. Non rischia di bruciare la sua carriera?

Purtroppo non devo dirlo io, ma è evidente. Lascia Suzuki per Aprilia che non è una moto con cui puoi sperare di vincere il Mondiale l’anno prossimo, salvo un miracolo. E’ molto difficile. E’ un pilota che ha fatto belle cose, mi dispiace, ma non ha trovato la strada giusta che lo accompagnasse verso il successo.

MXGP Imola Superfinale: Tutte le info sui biglietti 29-30 settembre

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Max75BA - 2 mesi fa

    Grande Ago mostra saggezza e umanità nei riguardi di Fenati, speriamo che riesca a maturare…ha un ottimo potenziale per far una bella carriera. Iannone non arriverà nemmeno dodicesimo il prossimo anno…si sta rovinando con la sua “strafottenza!?!”

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy