“Wayne: The Wayne Gardner Story”, il film sulla vita del campione 500cc

“Wayne: The Wayne Gardner Story”, il film sulla vita del campione 500cc

Ad inizio agosto a Melbourne verrà presentato “Wayne”, il film documentario sulla ‘vita a due ruote’ di Gardner, iridato 500cc nel 1987.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Il 3 agosto 2018 verrà presentato al Melbourne International Film Festival “Wayne: The Wayne Gardner Story”: si tratta di un emozionante film-documentario che raccoglie i momenti salienti dell’intensa carriera nel Motomondiale del pilota australiano, una vita su due ruote culminata con il titolo 500cc nel 1987 con il team Rothmans Honda, ma in generale ricca di alti e bassi. Ecco il trailer.

L’ex pilota di Wollongong può dire molto infatti sulla sua carriera iridata: presente nella categoria regina del Campionato del Mondo dal 1983 al 1992, Wayne Gardner ha condiviso la pista con i ragazzi del ‘periodo d’oro’ degli Stati Uniti, vale a dire Freddie Spencer, Eddie Lawson, Kevin Schwantz e Wayne Rainey, ma non dimentichiamo anche il suo connazionale Mick Doohan, altro avversario particolarmente ostico.

Se guardiamo i suoi numeri, sono solo un centinaio le gare disputate nel Motomondiale, ma vanta 18 vittorie (sette delle quali solo nell’anno in cui si assicurò la corona iridata), 51 podi in totale e 19 pole position. Come detto, si tratta di un film che tratta anche i momenti poco felici della sua carriera: un esempio è lo spaventoso incidente del 1983, quando un debuttante Gardner travolse Franco Uncini nel corso del Gran Premio d’Olanda, ferendolo gravemente.

Non solo Motomondiale però: l’ex pilota australiano vanta anche ben 4 volte alla 8 ore di Suzuka, precisamente negli anni 1985, 1986, 1991 e 1992. “Ho iniziato con una moto del valore di circa 5 dollari” ha ricordato divertito Gardner. “In seguito sono diventato per gli australiani un vero eroe nazionale, come il tennista Pat Cash, il presidente e Kylie Minogue.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy