MotoGP: Dopo Jorge Lorenzo, anche Casey Stoner lascia Ducati

MotoGP: Dopo Jorge Lorenzo, anche Casey Stoner lascia Ducati

La carriera di special tester dell’ex iridato è al capolina. “Se non servo meglio andare via”

di Redazione Corsedimoto
Jorge Lorenzo e Casey Stoner

Dopo Jorge Lorenzo, anche Casey Stoner è ai titoli di coda con la Ducati. Lo ha rivelato lo stesso australiano due volte iridato MotoGP.  Di recente il direttore sportivo Ducati, Paolo Ciabatti, aveva spiegato che “Casey si sta ancora riprendendo dall’intervento chirurgico e non riesce ancora a muovere la spalla a più di 90°, è stato un intervento chirurgico piuttosto completo. Abbiamo deciso di rivederci a settembre, e valuteremo i progressi per vedere se ci sono le condizioni per continuare come collaudatore e ambasciatore del marchio, o forse solo come ambasciatore. Dovremo decidere con lui». Ma la decisione sembra già presa e non per motivi fisici.

FISICO OK – «La spalla non è un ostacolo a testare con la Ducati, mi sto già allenando e faccio motocross» ha spiegato Casey Stoner al giornalista australiano Colin Young. “Il recupero è allineato alla tempistica pianificata con Ducati dopo il test di Sepang in febbraio. Io mi sono operato per continuare a essere un pilota collaudatore. Io sono tornato alla Ducati per lavorare duro e aiutarla a vincere un altro Mondiale, non per essere soltanto un ragazzo da poster per l’azienda»

NON MI SEGUONO – «Niente mi darebbe soddisfazione più grande di celebrare un altro titolo con la Ducati” spiega Casey. “Ma sento di non poter dare niente di più di quello che loro già hanno, visto che sembra che non utilizzino i dati e le indicazioni che io do loro. Ho suggerito da tempo cambiamenti che loro sembrano riluttanti a fare. E se non usano i miei dati e il mio feedback, non me la sento di rischiare facendo test, visto che per ottenere risultati devi avvicinarti al limite».

Misano MotoGP: 20% biglietti scontati per i lettori di Corsedimoto

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy