MotoGP Rossi

Valentino Rossi sulla questione Vinales: “Forse c’è dietro altro..”

Tanti temi da commentare per Valentino Rossi, da Vinales alla questione Petronas fino a un possibile ritorno come wild-card dopo il ritiro: "Mai dire mai.."

13 agosto 2021 - 19:08

Valentino Rossi conclude il suo secondo venerdì al Red Bull Ring al 14° posto, ma a tenere banco è sempre il tema Vinales-Yamaha. Il ‘Dottore’ rimane un pilota anche dopo l’annuncio del ritiro, ma in un weekend incandescente a livello di notizie fuori dalla pista è difficile non commentare tutto quello che sta succedendo. Oltre alla sospensione di Maverick, filtra nell’aria anche la possibilità che Petronas possa abbandonare il Sepang Racing Team.

“Il video di Vinales? Pensavo peggio”

Il nove volte campione del mondo inizia parlando il video dell’onboard (lo trovate a inizio articolo) di Vinales apparso in questi giorni. “Mi aspettavo peggio, è andato un po’ al limitatore e ha dato due o tre sgasate. Non so se fossero i momenti salienti. È difficile capire cosa succeda se non sei all’interno, magari c’erano dissapori e quella è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il gesto è stato sicuramente brutto, ma non così stremo. Forse dietro c’è qualcos’altro”.

“Petronas OUT? Sarebbe una sconfitta per tutti..”

Si parla poi della questione Petronas: “Perdere uno sponsor importantissimo per tutto il motomondiale sarebbe un vero peccato, a me non hanno detto nulla. Credo ne parleranno dalle prossime gare e chiudere i team Moto2 e Moto3 sarebbe una sconfitta per tutti quanti”. A proposito di sponsorizzazioni, per Rossi c’è una questione che lo interessa direttamente, ovvero Tanal: “Non so gli ultimi sviluppi. Spero sia tutto a posto perché è un bel progetto: vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni”.

“Un ritorno dopo il ritiro? Mai dire mai!”

Dopo avere esaurito le chiacchiere ‘esterne’, si torna al Rossi pilota. “Una wild card dopo il ritiro come Pedrosa o Crutchlow? Mai dire mai, ma sono più vecchio di loro (risata, ndr). Comunque, perché no? Guidare una MotoGP mi mancherà tantissimo ma non c’è niente di programmato. Una cosa è fare un test, un’altra una gara, ma se capitasse vorrei correre in una delle mie piste preferite come Mugello, Misano, Assen o Barcellona”.

“Quando sei giovane tutto è più semplice”

Non sono mancati i complimenti di Pedrosa all’indirizzo di Rossi la scorsa settimana. “Il livello qua è altissimo, la situazione è cambiata sotto tanti punti di vista. Le gare sono molto tirate dall’inizio alla fine e i nuovi piloti sono fortissimi e molto aggressivi. Quando sei giovane viene tutto più semplice, ma c’è da dire che Dani ha detto ampiamente la sua domenica in gara”.

“In difficoltà con asfalto umido”

Infine una battuta sulla giornata odierna: “In FP1 non troppo male, c’era un buon grip e il lavoro è stato in ottica gara. Ero molto più veloce rispetto a sette giorni fa, ma al secondo GP è normale che lo siano tutti quanti. Ci sono state invece condizioni particolari al pomeriggio con pioggia ma temperature molto alte. Si è creata velocemente una traiettoria asciutta: con bagnato completo è andata bene per noi, ma con l’asfalto umido non facciamo lavorare bene la gomma posteriore”.

Per i tuoi massaggi Thai

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

mir motogp misano test

MotoGP, Suzuki sul motore 2022: “Non una rivoluzione, uno sviluppo”

marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, primo contatto con la nuova Honda RC-V

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

Test MotoGP, Valentino Rossi cambia programma. ‘Dovi’ più aggressivo