Valentino Rossi a MIsano

Valentino Rossi snobba Marc Marquez: “Io penso al terzo posto”

Valentino Rossi non risponde alla provocazione di Marc Marquez al termine del GP di Misano. Nelle ultime 6 gare l'obiettivo è la conquista del terzo posto.

15 settembre 2019 - 16:42

Medaglia di legno per Valentino Rossi che ancora una volta conquista il 4° posto. Misano fa emergere una Yamaha più brillante dopo la ripresa del campionato, ma il Dottore ha ancora dei punti deboli da correggere. Il forcellone in carbonio ha fatto il suo debutto, ha dato qualcosa in percorrenza di curva, ma necessita di miglioramenti. Dopo aver messo a punto la Yamaha M1 in diverse aree bisogna lavorare sui dettagli, a cominciare dall’uscita di curva.

Resta un po’ di amarezza per non aver potuto salutare il pubblico dall’alto del podio, ma attualmente il potenziale non può essere maggiore. “Speravo di lottare per il podio, sarebbe stato bellissimo farlo qui davanti a tutta la gente. Mi aspettavo Vinales un po’ più veloce, Quartararo un po’ meno dopo le prove – ha spiegato Valentino Rossi a Sky Sport MotoGP -. Comunque loro tre andavano più forte di me, in due o tre punti della pista perdevo un po’ di tempo. Abbiamo provato a lavorare nel week-end, ma non siamo riusciti a migliorare tanto. Partire settimo è sempre dura. Ho superato Dovizioso, ma Rins mi ha sorpassato, su questa pista è difficile superare“.

IL DOTTORE RINCORRE VINALES E QUARTARARO

Partire dalla settima posizione ha complicato l’assalto al vertice, troppi giri persi per effettuare i sorpassi su Pol Espargarò e Franco Morbidelli. “Prima ho avuto Rins che fortunatamente per noi è andato dritto alla prima variante. Poi ero dietro Pol, Franco era già davanti, ero un po’ più veloce e ci ho messo un po’ di giri per superare Franco. Negli ultimi dieci giri ho spinto al massimo, ma anche senza la KTM davanti sarebbe stata difficile rimanere attaccati a Maverick“. Cosa manca per mettersi alla pari di Vinales e Quartararo? “Dopo la pausa estiva abbiamo cambiato diverse cose, ma il nostro potenziale è questo. Loro tre davanti nelle uscite di curva vanno più forte perché hanno più grip e riescono a scivolare meglio di me. Questo ci manca“.

Marc Marquez dopo la vittoria ha richiamato in causa quanto successo ieri nella Q2. Nell’esultanza ha indicato chiaramente con l’indice la pista di Misano, terra di conquista per chi considera Valentino Rossi il suo primo rivale. Ma il pesarese preferisce gettare acqua sul fuoco. “Mi sembrava che andasse forte anche prima di quello è successo. Secondo me è contento di aver battuto Quartararo che davvero può dargli fastidio“. Nelle ultime sei gare c’è in ballo ancora il terzo posto e lo sviluppo della M1. “Dobbiamo cercare di essere più veloci dell’anno scorso, perché fino alla Malesia non ero veloce. Devo cercare di fare punti e lottare per il terzo posto fino alla fine – ha concluso Valentino Rossi -. Poi bisogna cercare di capire come andare più forti. Il quarto posto ci può stare ma siamo troppo lontani“.

Jonathan Rea, In Testa, l’autobiografia del campionissimo In vendita on line qui

1 commento

manes
17:25, 15 settembre 2019

Gazzetta di Rossi, semmai è lui ad essere snobbato, dato che non è stato neanche preso in considerazione dal 93 come potenziale avversario per la gara. Fatti non chiacchere. E gli altri su Yama son sempre davanti quindi mettete le interviste ai protagonisti non alle seconde linee grazie

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marco Bezzecchi Motegi

Moto2, Motegi: Marco Bezzecchi, costretto al ritiro per malessere

Andrea Dovizioso a Motegi

MotoGP, Andrea Dovizioso deluso: “Non sfruttiamo le gomme nuove”

Jorge Lorenzo a Motegi

MotoGP, presidente HRC: “Vogliamo continuare con Jorge Lorenzo”