zarco motogp

MotoGP, Zarco torna sul podio: “Grazie Ducati per quello che stai facendo”

Johann Zarco brilla a Brno, salvando l'altrimenti magro bilancio Ducati. E fa i complimenti a Binder: "Sta facendo quello che non sono stato in grado di fare."

9 agosto 2020 - 20:44

L’anno scorso stava lottando con una KTM con cui non si trovava. A Brno 2020 Johann Zarco è tornato sul podio, dopo aver stampato la pole position sabato. Il pilota francese, lo ricordiamo due volte iridato Moto2, sta ricostruendo passo dopo passo le sue certezze, in dubbio dopo il difficile 2019. In sella alla Ducati del team Avintia ecco che disputa una gara da protagonista, forte del grande supporto da parte della struttura di Borgo Panigale che gli permette di portare il primo podio MotoGP alla sua squadra.

Johann Zarco sta mostrando importanti segnali di crescita in sella alla rossa. Certo è una motivazione extra anche la situazione incerta riguardo la futura line-up, ma il francese si sta davvero ricostruendo. Con la Desmosedici GP 2019 ecco che arriva la prima pole position stagionale, a cui lui stesso fatica a credere. “Il ritmo non è ottimale” ammette dopo le qualifiche, ma questo non diminuisce la determinazione a fare bene. Né lo ferma un contatto con Espargaró con successiva penalità. Zarco è lanciato e nessuno, nemmeno un arrembante Rins sul finale, può togliergli il ritorno sul podio dopo un digiuno che durava dalla Malesia 2018.

Non manca un pensiero per quanto fatto da Binder in questo incredibile GP. “Sta riuscendo a fare quello che io non sono riuscito a fare.” Un’ammissione di un feeling mai sbocciato con la KTM, ma anche una mostra di ammirazione per il giovane collega. Quello che però prevale in particolare è la gioia per un gran risultato. “Un podio indica che la gara è stata buona” ha sottolineato. “Certo è stata difficile, anche perché non sono partito bene. C’è stato qualche contatto, poi sono riuscito a portarmi in terza posizione.” Non senza battagliare: è in questa circostanza che appunto si verifica il contatto con lo spagnolo di KTM, con in seguito una Long Lap Penalty.

“Quando me l’hanno detto ho provveduto subito, non volevo perdere la concentrazione” ha aggiunto Johann Zarco. “Ho visto poi che nessuno mi superava mentre scontavo la sanzione. È stato come una nuova possibilità di salire sul podio, ho pensato solo a spingere per mantenermi in terza posizione.” Non è mancato qualche brivido sul finale. “Alex Rins mi ha fatto un po’ paura: è risalito velocemente, ma nell’ultimo settore sono riuscito a gestire al meglio la situazione, tenendolo dietro.” È tornato il sorriso. “Grazie a Ducati, sta facendo un gran lavoro. Sono davvero felice di aver portato questo podio alla mia squadra.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi a Misano

MotoGP, Valentino Rossi: “Stagione pazza, ci servono punti”

moto2 gardner

Moto2: Remy Gardner ci prova, operazione rientro in Catalunya

motogp misano 2020

MotoGP: i numeri di un doppio GP ‘pubblico’ a Misano di grande successo