MotoGP, Maverick Vinales GP Mugello 2021

MotoGP, Yamaha: prima volta con l’holeshot anteriore-posteriore

Nel week-end MotoGP del Mugello Yamaha prova per la prima volta il sistema holeshot anteriore-posteriore. Best lap di Maverick Vinales nelle FP1.

28 maggio 2021 - 11:58

Prima sessione di prove MotoGP per Maverick Vinales in veste di papà e il pilota Yamaha piazza subito il miglior crono al mattino in 1’46″593, rifilando due decimi alla Ducati di Johann Zarco. Il Mugello sembrava una pista super favorevole alle Desmosedici, ma nelle FP1 a svettare è la YZR-M1. Papà Maverick dedica questo risultato alla piccola Nina nata da pochi giorni, stampando il suo nome sugli stivali con un tocco di rosa, sui guanti e sul codone del suo prototipo. L’intenzione è onorare al meglio il suo arrivo, magari con un podio o una vittoria.

Nulla sembra impossibile alle Yamaha M1 model year 2021. E da Iwata è arrivata una grande novità che Fabio Quartararo e Maverick Vinales chiedevano con insistenza da settimane. Si tratta del nuovo dispositivo holeshot anteriore-posteriore. Finora la casa nipponica aveva a disposizione solo quello al posteriore, ma la partenza allo spegnimento dei semafori si sta rivelando una fase fondamentale per la MotoGP di oggi. Finora le Ducati hanno saputo sfruttare al meglio lo scatto in stile “dragster” andando quasi sempre a guadagnarsi la prima posizione dopo la prima curva in fondo al rettilineo. Adesso bisognerà fare i conti con i piloti Yamaha che, sul giro secco, quindi nelle qualifiche, sono sempre nelle prime file.

La sfida Ducati vs Yamaha a questo punto diventerà ancora più coinvolgente. “Strano vedere il Mugello spoglio e silenzioso rispetto a come eravamo abituati – commenta Maio Meregalli, team manager del team Monster Energy Yamaha -. Prima FP1 di Maverick da papà, è arrivato molto contento e privo di stress. Qui le Yamaha sono sempre state performanti. E’ vero che c’è un rettilineo lungo e non è un punto a nostro favore, ma ci sono tanti altri punti in cui siamo molto performanti“. Prove libere utili anche per provare il nuovo sistema di avviamento che Yamaha già riesce a sfruttare anche in movimento nella percorrenza di curva. “Stiamo provando l’abbassatore all’anteriore e lo faremo nelle sessioni di prove libere. Poi in base ai riscontri decideremo se usarlo da subito in gara o posticiparlo a Barcellona“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Instagram @maverick12official

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco

alex rins motogp

MotoGP: Alex Rins è diventato papà, ecco arrivato il piccolo Lucas

voight agius cev moto3

Moto3, Paolo Simoncelli conferma Voight e Agius per il CEV 2022