MotoGP, Maverick Vinales ad Aragon

MotoGP, Vinales: “Valentino Rossi resta vicino al box Yamaha”

Dopo quattro stagioni MotoGP al fianco di Valentino Rossi, Maverick Vinales trova Fabio Quartararo come compagno di box: "Preveremo a migliorare insieme".

12 gennaio 2021 - 14:26

Durante la pausa invernale Maverick Vinales non si è fermato mai con gli allenamenti in moto, bici, trial e persino in cucina. Nei giorni scorsi si è affidato al simulatore brevettato da Alex Crivillè per studiare i movimenti del suo corpo in moto. Sarà la sua quinta stagione MotoGP con i colori Yamaha, l’obiettivo è archiviare la pessima annata 2020 con dei buoni risultati. In un’intervista al quotidiano Las Provincias ricorda di aver “iniziato l’anno al top, abbiamo anche stabilito il record di Jerez. Eravamo contenti della moto, ma poi siamo arrivati a Brno e in Austria, che per noi sono circuiti complicati. Non abbiamo trovato la chiave per migliorare, siamo caduti e non ci siamo più rialzati“.

A rendere tutto più difficile il problema ai motori, costringendolo ad alternare due unità per gran parte della stagione. Fino a dover richiedere una sesta unità a Valencia con conseguente partenza dalla pit-lane. “Ho fatto tutto l’anno, 14 gare, con 2 motori. Eravamo al limite, non sapevo quando sarebbero scoppiati“, ha ammesso Maverick Vinales. I sei giorni di test pre-campionato saranno fondamentali per calibrare la nuova M1 2021. “È chiaro che non è possibile tornare a quello che avevamo nel 2019, ma sicuramente miglioreremo“. Con i motori congelati fino al termine del prossimo campionato MotoGP, l’attenzione dei tecnici è puntata sul telaio, per rendere la moto più agevole in curva.

Un altro grande cambiamento riguarderà il compagno di box. Dopo quattro stagioni al fianco di Valentino Rossi da quest’anno avrà Fabio Quartararo come compagno di box. Vinales si attende “un anno molto diverso, vedremo se sarà positivo o negativo. Da quello che sento per me sarà positivo perché alla fine è cambiato lo sviluppo della moto… Proveremo a migliorare con Fabio nel senso di lavorare un po’ di più insieme e trovare la chiave. Valentino ha giocato un ruolo molto importante anche per la Yamaha. E alla fine sarà vicino di box e resta un pilota ufficiale“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “C’è chi va in pensione e chi è troppo vecchio”

MotoGP, la storia: Jarama, sede del GP di Spagna e non solo

Tatsuki Suzuki Moto3

ESCLUSIVA Tatsuki Suzuki: “Superpole in Moto3? Solo se…” (Parte 1)