MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Vinales: “Sono io a guidare l’evoluzione Yamaha”

Maverick Vinales guarda con fiducia alla stagione MotoGP. E manda un messaggio indiretto a Valentino Rossi e Fabio Quartararo: "Guido io l'evoluzione".

22 aprile 2020 - 19:36

Maverick Vinales smorza la monotonia della quarantena fra aiuti ai sanitari impegnati contro l’epidemia, allenamenti in casa e diretta sui social. Il pilota MotoGP è tra i pochi fortunati ad aver firmato il rinnovo del contratto prima della crisi sanitaria ed economica. Avrebbe potuto scegliere per un cambio di livrea in Ducati, ma ha preferito continuare con i colori di Iwata. “Ciò che mi ha convinto è stata la fiducia che la Yamaha mi ha dato nelle ultime fasi della scorsa stagione. Inoltre, ho già il mio team lì. Non volevo altri cambiamenti, volevo stabilità. Mi sento molto forte con la mia moto. Alla fine del test in Qatar mi sentivo più preparato che mai, più di altri anni“.

SCENARI FUTURI IN TOP CLASS

Nei test MotoGP ha mostrato di avere un ottimo passo gara, inoltre il rinnovo è una iniezione di fiducia che gli decreta il primato all’interno del box almeno fino al 2022.”L’anno scorso ho mostrato alla Yamaha che sono io quello che può evolvere la moto“. Chiedeva un ruolo centrale e l’ha ricevuto. Anche se dalla prossima stagione avrà un compagno scomodo come Fabio Quartararo. “Dopo il test ho visto che la moto era pronta per combattere. Va bene in tutto. La moto andava bene, l’abbiamo vista anche con Valentino, Fabio e Morbidelli“.

Non resta che farsi trovare pronti per la prima chiamata stagionale. Nei programmi a breve termine l’idea di tornare ad allenarsi in Qatar non appena sarà possibile. Ma molto dipenderà dalle misure restrittive attuate dei governi in materia di viaggi. Il sogno è poter cominciare da Brno, riguarda attentamente i video della gara MotoGP 2019, cerca spunti utili per migliorare. I favoriti per la corsa al titolo non cambiano. “Marc Marquez, avanti; poi Fabio Quartararo, anche Dovizioso. Brno e Austria sono buoni per loro“. Nel box Yamaha si preannuncia un’altra grande sfida con Fabio, prima dello scontro diretto del 2021. “Mi sento molto bene con lui. Può darci molte informazioni. È molto bravo sul giro, gli diamo il benvenuto. Comunque, sono un po’ triste di perdere Valentino – ha concluso Vinales –. Sarò ancora più motivato con Fabio nel box”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP piloti

MotoGP, il mercato piloti prepara altri colpi di scena

MotoGP, Cal Crutchlow e Jack Miller

MotoGP, Crutchlow: “Miller può combattere con Márquez”

MotoGP, Carmelo Ezpeleta

Ezpeleta: “La MotoGP ha un impatto economico straordinario”