MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi-VR46: il mistero di un team “non confermato”

Il team VR46 di Valentino Rossi prenderà parte alla prossima stagione MotoGP come satellite Ducati. Ma sullo sponsor regna l'incertezza.

10 luglio 2021 - 12:26

Continua ad aleggiare un certo mistero sulla sponsorizzazione Aramco che dalla prossima stagione MotoGP dovrebbe sostenere economicamente il team VR46 di Valentino Rossi. Un accordo ufficializzato da settimane, ma la conferma di Tanal Entertainment non è mai arrivata. Viceversa, sono state diramate smentite sulla partnership commerciale. Dallo staff del Dottore ribadiscono però che l’accordo c’è e conta la parola del principe Al Saud su tutto.

Il dubbio Aramco

Prima della pausa estiva del Mondiale è arrivata una doccia fredda sull’intesa raggiunta fra Ducati, la squadra di Valentino Rossi e Dorna. “Aramco conferma di non aver siglato un accordo strategico con il team VR46 come con qualsiasi altra filiale della MotoGP. Non ha mai avuto rapporti commerciali con Tanal Entertainment, MotoGP o un team“. Annuncio smentito nell’arco di 24 ore dal Principe. Secondo indiscrezioni che trapelano dal paddock la società Aramco non rientrerebbe nelle autorità di Al Saud. Quindi la VR46 si ritroverebbe al centro di una contesa familiare.

Valentino Rossi ha pubblicamente rigettato ogni mancata intesa nel week-end di Assen. “Ho parlato con il principe almeno otto volte. L’ultimo, giovedì sera, ha ribadito la sua soddisfazione per il progetto. Quando si tratta di sponsorizzazioni così importanti, può darsi che qualcuno non sia felice… Ma a parte questo, penso e spero che sia tutto vero“. E dall’Arabia Saudita è arrivata la conferma reale.

Vertici VR46 in vacanza

Sono giorni di relax, lontano dai riflettori mediatici, per Valentino Rossi. Insieme a Nico Caroni, Alberto Tebaldi e Alessio Salucci (con rispettive consorti) si gode il suo nuovo yacht nel mare Adriatico, arrivano fin sulle coste della Croazia. Non sarà questo il momento degli annunci ufficiali, ma sicuramente il campione di Tavullia ha già in mente la sua decisione. Prima del Gran Premio d’Austria il 42enne annuncerà probabilmente il suo addio alla MotoGP. Lapidarie le sue dichiarazioni prima di lasciare il paddock olandese. “Cercano sempre di spingermi a guidare con la VR46, ma penso che sarà molto difficile“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

3 commenti

trediciport_13696908
12:38, 10 luglio 2021

Ma speriamo che gli salta tutto! Si prende un anno, va in giro con la sua barchetta e la sua… come dire, mostro le chiappe a tutti e magari ci ripensa. Sparire piano piano nell’ombra è una cosa buona!

    allyounee_87585
    15:57, 10 luglio 2021

    Soliti invidiosi. Una carriera così non può finire in Petronas ti sei bevuto il cervello?I jap non perdonano li hai traditi e per loro non sei più stato fondamentale anzi. Nel 2015 avevi staccato Marquez e loro invece di portarti al 10 hanno pompato Lorenzo. Risultato Marquez sputt..nato, Lorenzo in Ducati e Rossi ab libitum. Bravi Jarvis e Meregalli. Vai in Ducati vedrai che tornerà tutto altro che su e giù secondo lavoro non le stelle. Non fare cazz te continua. Qualcuno ti guarda dall’alto

    allyounee_87585
    15:55, 10 luglio 2021

    Soliti invidiosi. Una carriera così non può finire in Petronas ti sei bevuto il cervello?I jap non perdonano li hai traditi e per loro non sei più stato fondamentale anzi. Nel 2015 avevi staccato Marquez e loro invece di portarti al 10 hanno pompato Lorenzo. Risultato Marquez sputt..nato, Lorenzo in Ducati e Rossi ab libitum. Bravi Jarvis e Meregalli. Vai in Ducati vedrai che tornerà tutto altro che su e giù nel bene e nel male le cose andranno secondo il lavoro non secondo le stelle. Non fare cazz te continua

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alessandro zaccone motoe

MotoE, Alessandro Zaccone: addio al campionato, ma è andata bene…

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: caccia ad un altro colpaccio, stavolta in casa

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Con Valentino Rossi non c’è lavoro di squadra”