MotoGP, Tito Rabat

MotoGP, Tito Rabat: “Non ho il contratto assicurato”

Tito Rabat è l'unico pilota della MotoGP a non avere il contratto in scadenza a fine anno. Ma non si sente per nulla tranquillo: "Servono i risultati".

18 febbraio 2020 - 13:23

Tito Rabat è l’unico pilota della MotoGP a non avere il contratto in scadenza a fine anno. Si appresta a correre la quinta stagione in classe regina, la terza con Ducati, alla ricerca del suo primo podio nella massima serie. Nel 2019 non è andato oltre il nono posto in Catalunya, poi mai nella top-10 e un magro bottino di 23 punti. Quest’anno arriva Johann Zarco a fare da sprone e a garantire un maggior supporto tecnico da Borgo Panigale. “Lui ha un contratto con la fabbrica, io con Reale Avintia. Il team dice che avremo lo stesso materiale“.

Potrà giocarsela senza lo stress del rinnovo di contratto, ma mai dire mai nella MotoGP. Tito Rabat è in bilico come molti altri suoi colleghi. “Questo campionato sta cambiando sempre di più – ha detto in un’intervista a ‘Marca’ -. Non hai niente di assicurato. Abbiamo bisogno di risultati Ho bisogno di alzare la testa, da solo, indipendentemente da tutto il resto. Sono quattro anni che non uso la testa, devo esplodere tutto in una volta“. Altrimenti Tito Rabat potrebbe presto dire addio alla sua sella Ducati. “Ho il sogno di poter vincere gare, anche di essere in lotta per il titolo. Ecco perché continuo a correre, perché mi piace… Se mi togli il manubrio e le ruote, la mia vita diventa complicata“.

Al contrario di altri piloti Ducati, la nuova gomma soft posteriore sembra dargli un aiuto in percorrenza di curva. “Posso entrare in curva senza andare sulla difensiva, ora la ruota posteriore ha un grip migliore. È impossibile tornare indietro, puoi solo andare avanti. Posso guidare con sicurezza, questa gomma ti avvisa. Questo per me è un passo da gigante. Il risultato del test mi serve solo per concentrarmi ancora di più“. L’arrivo di Johann Zarco sarà un ulteriore aiuto: “Ho avuto molti partner, come Mika Kallio, Pol Espargaró, Marc Márquez… Essendo più veloci ho imparato molto”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Carmelo Ezpleta

MotoGP, Carmelo Ezpeleta: “Forse non ci sarà nessun Mondiale”

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Splendida la rivalità con Casey Stoner”

ilmor x3 motogp

MotoGP: La meteora Ilmor X3 e gli X-Men