oliveira motogp misano

MotoGP Test Misano, day-2: best lap KTM, novità nel box Ducati

Miguel Oliveira autore del miglior crono nel secondo giorno di Test MotoGP a Misano. Novità per Ducati, Aprilia e KTM continuano il lavoro sul motore.

24 giugno 2020 - 18:47

La seconda giornata di Test MotoGP a Misano si chiude con una KTM al comando nella classifica ufficiosa dei tempi. Se ieri il migliore era stato Pol Espargaró, oggi ci ha pensato Miguel Oliveira. Il portoghese di Tech3 è stato l’unico a scendere sotto il muro di 1:33 (1:32.913), davanti al compagno di marca con 1:33.122, poi Michele Pirro (1:33.124). In casa Aprilia, 1:33.427 per Aleix Espargaró, seguito ad un decimo da Brad Binder e da Iker Lecuona, protagonista anche di una scivolata senza conseguenze. Non sono mancate nuove soluzioni, vediamole.

 

Da registrare alcune novità non di secondo piano nel box Ducati. In pista sia il collaudatore Michele Pirro che ha girato con la Desmosedici GP20 che il pilota Avintia Johann Zarco, a bordo di una Panigale V4R. Il tester pugliese ha studiato due nuove soluzioni per aiutare Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci a sfidare Marc Márquez e Honda nella prossima stagione. L’ex pilota KTM non ha voluto perdere questa occasione per scrollarsi la ruggine di dosso e girare a Misano. L’obiettivo mai celato è conquistare una sella nel team Pramac, che sia quella di Bagnaia o Miller non fa differenza.

Sull’anteriore un deflettore aerodinamico copre l’area sopra la base della forcella. Questa carenatura dovrebbe garantire flusso d’aria più efficiente verso il dispositivo di raffreddamento. Inoltre Brembo ha creato una nuova pinza freno che si dice abbia due grandi vantaggi. La nuova pinza è più leggera della precedente e avrebbe un leggero impatto positivo sul comportamento alla guida. Inoltre, la nuova pinza Brembo dovrebbe attenuare i picchi di temperatura. Ciò è reso possibile dalle alette di raffreddamento integrate nella parte anteriore. Di conseguenza si dovrebbero avere prestazioni in frenata più costanti, soprattutto su tracciati che richiedono molta pressione sul sistema di frenatura.

 

Aprilia e KTM hanno proseguito con il lavoro sul motore prima del congelamento previsto per il 29 giugno. La casa di Noale cerca soprattutto affidabilità dal suo nuovo V4 a 90°, ma con un occhio rivolto anche a telaio e aerodinamica. Le prestazioni sono secondarie in questo momento, KTM guida la classifica dei tempi in questo test. Ma è pur vero che il circuito di Misano non è l’ideale per la RS-GP. A Jerez sarà Bradley Smith a sostituire Andrea Iannone e nel corso di tutta la stagione MotoGP se necessario. Fino ad agosto Aprilia attenderà la decisione del Tas e rinnoverà la fiducia sul pilota di Vasto. Ma bisogna anche guardarsi intorno in caso di conferma della squalifica: Aleix Espargarò suggerisce già il nome di Cal Crutchlow.

Foto di Marco Lanfranchi

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Ducati al test di Misano 2020

MotoGP, Ducati GP20 ‘spy’: scarico dritto e nuovi dettagli aerodinamici

Tavullia, da Valentino Rossi

Valentino Rossi: Tavullia meta di fan MotoGP e gastronomia

Sandra Neri, moglie di Davide Tardozzi

MotoGP: l’abbraccio a Davide Tardozzi, l’ultimo saluto a Sandra